Spartaco incatenato

(Come un sogno d'or scolpito è nel cuore) L'orrida prigion che mi ha sepolto, santa ribellion del mio pensier, giammai ti domerà! Il truce furor dell'oppressore mi farà spirar, ma l'Ideal, no, non soccomberà! ... Or vien pur conteso a me di mirar l'azzurro Ciel!... Morrò nel tetro squallor, ma con la fede in cuor. Sento già venir della vittoria il dì! L'umanità redenta sarà! Sul funereo mio lenzuol già sorride il Nuovo Sol d'Amor!... O Rossa Bandiera dalla mia tomba io ti vedrò lassù. Lassù!... lassù!...
Informazioni
Il canto del prigioniero politico (sui motivi della serenata "Rimpianto" di Toselli).
Fonte
Spartacus Picenus, Canti comunisti, Milano, Edizioni del Calendario del Popolo, 1967
Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!