Sono andato a Ventimiglia

Sono andato a Ventimiglia

Anno
Sono andato a Ventimiglia a pagare il celibato cento lire m’han rubato Cento lire m’ha rubato Sono andato a Ventimiglia a pagare il celibato cento lire m’han rubato E la bella non mi vuole e la brutta non mi piace pagherò trecento tasse. Pagherò trecento tasse se la bella non mi vuole e la brutta non mi piace pagherò trecento tasse e non mi sposerò mai più. Mai più
Fa Sono andato a Ventimiglia Do a pagare il celibato Fa cento lire m’han rubato Do Cento lire m’ha rubato Fa Sono andato a Ventimiglia Do a pagare il celibato Fa cento lire m’han rubato Do Fa E la bella non mi vuole Do e la brutta non mi piace Fa pagherò trecento tasse. Do Pagherò trecento tasse Fa se la bella non mi vuole Do e la brutta non mi piace Fa pagherò trecento tasse Do Fa Do Fa e non mi sposerò mai più. Mai più
Informazioni

È questo un canto trasmesso dai cantastorie che durante il periodo della monda rallegravano le serate delle mondine con canti e balli. 

Fonte

Videoregistrazione effettuata da Claudio Piccoli e Tiziana Oppizzi.

L'Informatrice è Paola Mazzola del gruppo corale "Mondine di Opera".

Scheda del canto
Anno
Lingua
Inserito da
ezio cuppone

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!