O dura sorte, in cella (Sonetto sulla dignità del montagnino in cella)

O dura sorte, in cella (Sonetto sulla dignità del montagnino in cella)

Peppino Marotto
Autori testo

#ildeposito25aprile2020

Nella pagina Facebook abbiamo organizzato una cantata collettiva.
Un video inviato dagli utenti ogni 10 minuti, non mancate!

https://www.facebook.com/ildeposito.org
O dura sorte, in cella mi hasa ispintu cun cussa tua poderosa manu, m'has presoneri che sordadu vintu istiu, attonzu, jerru e beranu; mi ses trattende che unu mezzanu, però non m'hasa a bides cari ghintu e s'omine si bided in s'istrintu, comente nara su dizzu nostranu; non pone su morale in ausentu, mancari non mi lessas ponnes passu e fora de custu perfido apposentu; non mi crétasa de sentimentos bassu, ca so' vizu de s'altu Gennargentu, su monte sardu superbu e canassu.
Fonte

Giuseppe Vettori, Canti del carcere, Roma, Newton Compton, 1976.

Scheda del canto
Autori testo
Lingua
Tags
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!