Canta di Matteotti

La storia cantata: Il delitto Matteotti (10 Giugno 1924)
Or, se ascoltar mi state, canto il delitto di quei galeotti che con gran rabbia vollero trucidare il deputato Giacomo Matteotti, Erano tanti: Viola Rossi e Dumin, il capo della banda Benito Mussolin. Dopo che Matteotti avean trovato, mentre che stava andando al Parlamento, venne su di una macchina caricato da quegl'ignobil della banda nera. In mezzo a un bosco fu trasportato là e quei vili aguzzini gli disser con furor: " Perché tu il fascismo hai sempre odiato, ora dovrai morì qui sull'istante " e dopo averlo a torto bastonato di pugnalate gliene dieder tante. Così, per mano di quei vili traditor, moriva Matteotti, capo dei lavorator.
Informazioni
Sull'aria de "Il Maschio di Volterra".
Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!