Alle fosse ardeatine

La storia cantata: L'eccidio delle Fosse Ardeatine (24 Marzo 1944)
Laggiù sotto il suol, nel tenebror dove li ha spenti il barbaro oppressor, il sangue lor li congiunge nel più sacro abbraccio che li affratella ognor. Dormon laggiù trecentoventi uomi puri generosi ardenti, che morti son per aver desiderato con ardore appassionato te, o divina, o cara Libertà! Libertà santa, sacra ad ogni cuor! Sacro ad ogni cuor sia il martirio lor! Dal Rodano al Don a cento a cento per quante stelle son nel firmamento come Gesù gl'innocenti salgono il Calvario per poi volar lassù... S'inebria ognor col loro sangue l'idra nazista folle di furor. Muoion così per aver desiderato con ardore appassionato te, o divina, o cara Libertà! Libertà santa, sara ad ogni cuor! Sacro ad ogni cuor sia il martirio lor!
Informazioni

Spartacus Picenus usò per questo testo la famosa melodia dello Studio op.10, N.3, in Mi maggiore di F.Chopin, che proprio negli anni della guerra il cantante di musica leggera Natalino Otto aveva divulgato con una incisione discografica dal titolo Tistezze.

Fonte del testo e delle note:
A.Savona-M.L.Straniero
Canti della resistenza italiana
1985 Rizzoli

Fonte
Spartacus Picenus, Canti comunisti, Milano, Edizioni del Calendario del Popolo, 1967
Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!