L'attentato di Passannante

L'attentato di Passannante

(Italia)
attentato_passannante.jpg
Percorso

Il 17 novembre 1878, la famiglia reale, assieme al primo ministro Benedetto Cairoli, era in visita a Napoli. Quando il corteo giunse all'altezza del "Largo della Carriera Grande" nel mezzo di un pubblico festante. Passannante era tra gli astanti, attendendo il momento opportuno per avvicinarsi alla carrozza del sovrano, che incedeva lentamente nella piazza. Giunto il suo momento, l'attentatore sbucò all'improvviso dalla folla, salì sul predellino, scoprì un coltello, che teneva avvolto in uno straccio rosso, e tentò di accoltellare il monarca urlando: «Viva Orsini! Viva la Repubblica Universale!». Il re riuscì a difendersi, rimanendo leggermente ferito al braccio sinistro. Accorsero subito i corazzieri e l'attentatore venne subito tratto in arresto.