Venessia patria mia dileta

Venessia patria mia dileta

Anno
damico.jpg
Autori testo
Venessia patria mia dileta ti va de sgobo e po' de grata sotto il vessillo di San Marco par 'sta Repubblica da sbarco i m'ha mandà parfin in Cina a romperghe i cojoni a Gengis Kan Se parte dal mondo co 'na carovana varda Luisa che bela è la Cina rassi colorati, bachi da seda, la povere pirica, la pansa de Buda carica tuto fa' su la tenda el nostro paron cussì ne comanda 'sta carovana no la gh'ò capìa semo cristiani e femo rassìa Luisa che ladro che xe Marco Polo cori che i mongoli ne core drio In Adriatico che lote le navi torna a casa rote spenze rabiosi gli infedeli che vol robarne i monopoli de là in Atlantico la Spagna el novo mondo la gh'à trovà Cristoforo Colombo gaveva ragion el mondo xe tondo come un balon co la Nina la Pinta e la Santa Maria el porta a casa l'oro e l'argenteria America America tera pressiosa ma i indiani xe gente che xe permalosa ariva i velieri i canoni spagnoli Atzechi e Incas xe massacrài par cossa parché dovemo copar me par una falce 'sta cristianità Varda Luisa che malani sciopa la guera dei trent'ani me fasso fià e sigo basta me 'riva in boca 'na tempesta i fiumi porta le carogne e l'aria ormai se ga impestà Scampemo scampemo che 'riva la peste rancura le robe dentro le seste coversi el fio con un pano de lana canta Luisa che fassa la nana canta che i angeli buta 'na corda che se tiremo su da 'sta merda dormi bambin che 'ndemo su le stele domani la Madona te da le caramele.
Fonte

D'Amico Alberto, Ariva i barbari, Edizioni del gallo, 1973

Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Tags
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!