Uomini e soldi

Son senza patria i soldi dei padroni, son soldi viaggiatori come piccioni. Per viaggi d'affare o di piacere i capitali varcano le frontiere Sono mille e più miliardi che anno per anno traversan le frontiere e se ne vanno, e noi lavoratori senza lavoro dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia, e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone faccendo da bracciante nel meridione. E poi nel nord o all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una: ci dicon di emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra, che noi facciamo la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perchè danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio. Deve essere il contrario e prima o poi dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa, ed alla Fiat e alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni come una scopa. Perchè il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Itala. I soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Noi non vogliamo essere mai più esiliati ma ormai protagonisti e organizzati. Dobbiamo farla finita ed essere pronti a giunger presto alla resa dei conti.
Dom Solm Midim Re7 Solm Solm Re7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Solm son soldi viaggiatori come piccioni: Re7 per far viaggi d'affari e di piacere Solm i capitali varcano le frontiere. Sol7 Dom Sol7 Dom Son mille e più miliardi che, anno per anno, Fa La# Fa La# traversan le frontiere e se ne vanno Sol7 Dom Sol7 Dom e noi, lavoratori senza lavoro, La Re La Re Re7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Sol7 Dom Sol7 Dom Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Fa La# Fa La# ma ormai protagonisti e organizzati Sol7 Dom Sol7 Dom dobbiam farla finita ed esser pronti Sol# Dom Solm Midim Re7 Solm a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Sol# Dom Solm Midim Re7 Solm
Do#mSol#mFadim Re#7Sol#m Sol#m Re#7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Sol#m son soldi viaggiatori come piccioni: Re#7 per far viaggi d'affari e di piacere Sol#m i capitali varcano le frontiere. Sol#7 Do#m Sol#7 Do#m Son mille e più miliardi che, anno per anno, Fa# Si Fa# Si traversan le frontiere e se ne vanno Sol#7 Do#m Sol#7Do#m e noi, lavoratori senza lavoro, La# Re# La# Re# Re#7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Sol#7 Do#m Sol#7 Do#m Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Fa# Si Fa# Si ma ormai protagonisti e organizzati Sol#7 Do#m Sol#7Do#m dobbiam farla finita ed esser pronti La Do#m Sol#m Fadim Re#7Sol#m a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti La Do#mSol#mFadim Re#7Sol#m
Rem Lam Fa#dimMi7 Lam Lam Mi7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Lam son soldi viaggiatori come piccioni: Mi7 per far viaggi d'affari e di piacere Lam i capitali varcano le frontiere. La7 Rem La7 Rem Son mille e più miliardi che, anno per anno, Sol Do Sol Do traversan le frontiere e se ne vanno La7 Rem La7 Rem e noi, lavoratori senza lavoro, Si Mi Si Mi Mi7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. La7 Rem La7 Rem Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Sol Do Sol Do ma ormai protagonisti e organizzati La7 Rem La7 Rem dobbiam farla finita ed esser pronti La# Rem Lam Fa#dim Mi7 Lam a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti La# Rem Lam Fa#dimMi7 Lam
Re#mLa#m SoldimFa7 La#m La#m Fa7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, La#m son soldi viaggiatori come piccioni: Fa7 per far viaggi d'affari e di piacere La#m i capitali varcano le frontiere. La#7 Re#m La#7 Re#m Son mille e più miliardi che, anno per anno, Sol# Do# Sol# Do# traversan le frontiere e se ne vanno La#7 Re#m La#7 Re#m e noi, lavoratori senza lavoro, Do Fa Do Fa Fa7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. La#7 Re#m La#7 Re#m Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Sol# Do# Sol# Do# ma ormai protagonisti e organizzati La#7 Re#m La#7 Re#m dobbiam farla finita ed esser pronti Si Re#m La#m Soldim Fa7 La#m a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Si Re#mLa#m SoldimFa7 La#m
Mim Sim Sol#dimFa#7Sim Sim Fa#7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Sim son soldi viaggiatori come piccioni: Fa#7 per far viaggi d'affari e di piacere Sim i capitali varcano le frontiere. Si7 Mim Si7 Mim Son mille e più miliardi che, anno per anno, La Re La Re traversan le frontiere e se ne vanno Si7 Mim Si7 Mim e noi, lavoratori senza lavoro, Do# Fa# Do# Fa# Fa#7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Si7 Mim Si7 Mim Noi non dobbiamo esser mai più esiliati La Re La Re ma ormai protagonisti e organizzati Si7 Mim Si7 Mim dobbiam farla finita ed esser pronti Do Mim Sim Sol#dim Fa#7Sim a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Do Mim Sim Sol#dimFa#7Sim
Fam Dom Ladim Sol7Dom Dom Sol7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Dom son soldi viaggiatori come piccioni: Sol7 per far viaggi d'affari e di piacere Dom i capitali varcano le frontiere. Do7 Fam Do7 Fam Son mille e più miliardi che, anno per anno, Sib Mib Sib Mib traversan le frontiere e se ne vanno Do7 Fam Do7 Fam e noi, lavoratori senza lavoro, Re Sol Re Sol Sol7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Do7 Fam Do7 Fam Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Sib Mib Sib Mib ma ormai protagonisti e organizzati Do7 Fam Do7 Fam dobbiam farla finita ed esser pronti Reb Fam Dom Ladim Sol7Dom a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Reb Fam Dom Ladim Sol7Dom
Fa#mDo#m La#dimSol#7Do#m Do#m Sol#7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Do#m son soldi viaggiatori come piccioni: Sol#7 per far viaggi d'affari e di piacere Do#m i capitali varcano le frontiere. Do#7 Fa#m Do#7 Fa#m Son mille e più miliardi che, anno per anno, Si Mi Si Mi traversan le frontiere e se ne vanno Do#7 Fa#m Do#7 Fa#m e noi, lavoratori senza lavoro, Re# Sol# Re# Sol# Sol#7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Do#7 Fa#m Do#7 Fa#m Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Si Mi Si Mi ma ormai protagonisti e organizzati Do#7 Fa#m Do#7 Fa#m dobbiam farla finita ed esser pronti Re Fa#m Do#m La#dim Sol#7Do#m a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Re Fa#mDo#m La#dimSol#7Do#m
SolmRem Sidim La7 Rem Rem La7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Rem son soldi viaggiatori come piccioni: La7 per far viaggi d'affari e di piacere Rem i capitali varcano le frontiere. Re7 Solm Re7 Solm Son mille e più miliardi che, anno per anno, Do Fa Do Fa traversan le frontiere e se ne vanno Re7 Solm Re7 Solm e noi, lavoratori senza lavoro, Mi La Mi La La7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Re7 Solm Re7 Solm Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Do Fa Do Fa ma ormai protagonisti e organizzati Re7 Solm Re7 Solm dobbiam farla finita ed esser pronti Re# Solm Rem Sidim La7 Rem a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Re# SolmRem Sidim La7 Rem
Sol#mRe#m Dodim La#7Re#m Re#m La#7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Re#m son soldi viaggiatori come piccioni: La#7 per far viaggi d'affari e di piacere Re#m i capitali varcano le frontiere. Re#7 Sol#m Re#7 Sol#m Son mille e più miliardi che, anno per anno, Do# Fa# Do# Fa# traversan le frontiere e se ne vanno Re#7 Sol#m Re#7 Sol#m e noi, lavoratori senza lavoro, Fa La# Fa La# La#7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Re#7 Sol#m Re#7 Sol#m Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Do# Fa# Do# Fa# ma ormai protagonisti e organizzati Re#7 Sol#m Re#7 Sol#m dobbiam farla finita ed esser pronti Mi Sol#m Re#m Dodim La#7Re#m a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Mi Sol#mRe#m Dodim La#7Re#m
Lam Mim Do#dimSi7 Mim Mim Si7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Mim son soldi viaggiatori come piccioni: Si7 per far viaggi d'affari e di piacere Mim i capitali varcano le frontiere. Mi7 Lam Mi7 Lam Son mille e più miliardi che, anno per anno, Re Sol Re Sol traversan le frontiere e se ne vanno Mi7 Lam Mi7 Lam e noi, lavoratori senza lavoro, Fa# Si Fa# Si Si7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Mi7 Lam Mi7 Lam Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Re Sol Re Sol ma ormai protagonisti e organizzati Mi7 Lam Mi7 Lam dobbiam farla finita ed esser pronti Fa Lam Mim Do#dim Si7 Mim a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Fa Lam Mim Do#dimSi7 Mim
SibmFam Redim Do7 Fam Fam Do7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Fam son soldi viaggiatori come piccioni: Do7 per far viaggi d'affari e di piacere Fam i capitali varcano le frontiere. Fa7 Sibm Fa7 Sibm Son mille e più miliardi che, anno per anno, Mib Lab Mib Lab traversan le frontiere e se ne vanno Fa7 Sibm Fa7 Sibm e noi, lavoratori senza lavoro, Sol Do Sol Do Do7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Fa7 Sibm Fa7 Sibm Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Mib Lab Mib Lab ma ormai protagonisti e organizzati Fa7 Sibm Fa7 Sibm dobbiam farla finita ed esser pronti Solb Sibm Fam Redim Do7 Fam a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Solb SibmFam Redim Do7 Fam
Sim Fa#m Re#dimDo#7Fa#m Fa#m Do#7 Son senza patria i soldi - oh - dei padroni, Fa#m son soldi viaggiatori come piccioni: Do#7 per far viaggi d'affari e di piacere Fa#m i capitali varcano le frontiere. Fa#7 Sim Fa#7 Sim Son mille e più miliardi che, anno per anno, Mi La Mi La traversan le frontiere e se ne vanno Fa#7 Sim Fa#7 Sim e noi, lavoratori senza lavoro, Sol# Do# Sol# Do# Do#7 dobbiamo per mangiare viaggiar con loro. I soldi che gli agrari ci han tolto via fan tappa su in Piemonte e in Lombardia e qui si riproducono per contanti poi se ne vanno all'estero tutti quanti. I soldi dei padroni van dritti dritti dovunque possan trarre maggior profitti e noi, passo per passo, metro per metro, dobbiamo per mangiare tenergli dietro. Avevo già arricchito più di un padrone facendo da bracciante nel Meridione e poi nel Nord e all'estero, da operaio, ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio. La regola da trarre è solo una : ci dicon d'emigrare per far fortuna. Certo si fa fortuna, ma si dimostra che noi facciam la loro ma non la nostra. I soldi dei padroni che fuggon via danneggiano la nostra economia perché danno un passivo dei più imponenti alla nostra bilancia dei pagamenti. Ma la bilancia torna a funzionare purchè noi si continui ad emigrare ed a spedire a casa quei bei contanti che sono le rimesse degli emigranti. Ma occorre che gli passi quel brutto vizio che i soldi ci abbian sempre al loro servizio : dev'essere il contrario e, prima o poi, dovranno essere i soldi a servir noi. La rabbia che han portato i nostri fratelli all'Alfa od alla Fiat o alla Pirelli noi la dobbiam portare per tutta Europa spazzando via i padroni, come una scopa. Perche il padrone è uno, non ci si sbaglia, che faccia i soldi all'estero o qui in Italia : i soldi lui li fa sul nostro lavoro e poi li manda all'estero e noi con loro. Fa#7 Sim Fa#7 Sim Noi non dobbiamo esser mai più esiliati Mi La Mi La ma ormai protagonisti e organizzati Fa#7 Sim Fa#7 Sim dobbiam farla finita ed esser pronti Sol Sim Fa#m Re#dim Do#7Fa#m a giunger presto alla resa dei co - o - o - nti Sol Sim Fa#m Re#dimDo#7Fa#m
Fonte

Amodei Fausto, Se non li conoscete, Ala Bianca, 1996

Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!