Ti ricordi Nina

Ti ricordi Nina il vecchio girotondo nella campagna chiara di mezza primavera per far crescere il grano pregavi un dio lontano un dio che non si paga: e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Dom Ti ricordi Nina Do# Dom il vecchio girotondo Do# Dom nella campagna chiara Do# Dom di mezza primavera Sol# Dom per far crescere il grano Sol# Do- pregavi un dio lontano Do# Do- un dio che non si paga: Sol7 Do- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Do#m Ti ricordi Nina Re Do#m il vecchio girotondo Re Do#m nella campagna chiara Re Do#m di mezza primavera La Do#m per far crescere il grano La Do#- pregavi un dio lontano Re Do#- un dio che non si paga: Sol#7 Do#- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Rem Ti ricordi Nina Re# Rem il vecchio girotondo Re# Rem nella campagna chiara Re# Rem di mezza primavera Sib Rem per far crescere il grano Sib Re- pregavi un dio lontano Re# Re- un dio che non si paga: La7 Re- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Re#m Ti ricordi Nina Mi Re#m il vecchio girotondo Mi Re#m nella campagna chiara Mi Re#m di mezza primavera Si Re#m per far crescere il grano Si Re#- pregavi un dio lontano Mi Re#- un dio che non si paga: Sib7 Re#- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Mim Ti ricordi Nina Fa Mim il vecchio girotondo Fa Mim nella campagna chiara Fa Mim di mezza primavera Do Mim per far crescere il grano Do Mi- pregavi un dio lontano Fa Mi- un dio che non si paga: Si7 Mi- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Fam Ti ricordi Nina Solb Fam il vecchio girotondo Solb Fam nella campagna chiara Solb Fam di mezza primavera Reb Fam per far crescere il grano Reb Fa- pregavi un dio lontano Solb Fa- un dio che non si paga: Do7 Fa- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Fa#m Ti ricordi Nina Sol Fa#m il vecchio girotondo Sol Fa#m nella campagna chiara Sol Fa#m di mezza primavera Re Fa#m per far crescere il grano Re Fa#- pregavi un dio lontano Sol Fa#- un dio che non si paga: Do#7 Fa#- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Solm Ti ricordi Nina Sol# Solm il vecchio girotondo Sol# Solm nella campagna chiara Sol# Solm di mezza primavera Re# Solm per far crescere il grano Re# Sol- pregavi un dio lontano Sol# Sol- un dio che non si paga: Re7 Sol- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Sol#m Ti ricordi Nina La Sol#m il vecchio girotondo La Sol#m nella campagna chiara La Sol#m di mezza primavera Mi Sol#m per far crescere il grano Mi Sol#- pregavi un dio lontano La Sol#- un dio che non si paga: Re#7 Sol#- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Lam Ti ricordi Nina Sib Lam il vecchio girotondo Sib Lam nella campagna chiara Sib Lam di mezza primavera Fa Lam per far crescere il grano Fa La- pregavi un dio lontano Sib La- un dio che non si paga: Mi7 La- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Sibm Ti ricordi Nina Si Sibm il vecchio girotondo Si Sibm nella campagna chiara Si Sibm di mezza primavera Solb Sibm per far crescere il grano Solb Sib- pregavi un dio lontano Si Sib- un dio che non si paga: Fa7 Sib- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Sim Ti ricordi Nina Do Sim il vecchio girotondo Do Sim nella campagna chiara Do Sim di mezza primavera Sol Sim per far crescere il grano Sol Si- pregavi un dio lontano Do Si- un dio che non si paga: Fa#7 Si- e ti chiamaron maga. Ti ricordi Nina quando arrivò l'estate il tuo parlar col cielo con l'erba e con il melo il tuo gridar ai lampi il tuo fuggir nei campi quando la notte canta: e ti chiamaron santa. Ti ricordi Nina la luce dell'inverno e le case erano tane per spartirsi la fame tu stavi in mezzo al gelo e bestemmiavi il cielo con gli occhi di chi prega: e ti chiamaron strega. Ti ricordi Nina il medico in paese venuto da lontano col suo camice bianco ed un sorriso stanco inutile e tagliente come la vecchia latta: e ti chiamaron matta. E ti chiamaron matta e ti chiamaron matta
Fonte

Nebbiosi Gianni, E ti chiamaron matta, Edizioni del gallo, 1972

Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!