Piazza Barberina

Piazza Barberina

Anno
A piazza Barberina, più su der Tiritone, sotto l'ombra de 'n lampione 'na pisciata me metto a fa'. Me s'avvicina un tale, vestito a la borghese, cor cappello a la calabbrese, che me se mette a fa': Giovanotto, documenti, via, nun fate lo sfacciato, Io sono il delegato de le Guardie de Città! Si séte un delegato nun me ne frega gnente, che vve piji un accidente, che vve possin'ammazza'! Se mise un dito ar culo, e fece un fischio acuto, segnale convenuto de le Guardie de Città. Coreveno, coreveno, pareveno pompieri 'Sti quattro culattieri de le Guardie de Città. In cinque contro uno ve ce sapete mette, me misero le manette, in priggione me fa porta'. Me misero in priggione, fra cimici e pidocchi, che faceveno a cazzotti co' le Guardie de Città. Me diedero 'na pagnotta, mezza cruda e mezza cotta, quei fiji de 'na mignotta de le Guardie de Città. Me diedero 'na banana, mezza marcia e mezza sana, quei fiji de 'na puttana de le Guardie de Città. Ragazzini, ragazzetti, nun pisciate su li tetti, ma pisciate sull'ermetti de le Guardie de Città. Ragazzini, giovinotti, nun pisciate su li muri, ma pisciate su li culi de le Guardie de Città.
Informazioni

Canto della malavita dei primi del '900, nato inizialmente con intenzioni seriose contro l'editto che vietava di urinare per le strade di Roma, si era trasformato col passare degli anni, in un canto un po' boccacceso utilizzato dai ragazzini dei quartieri più popolari. Di autore anonimo, è stato interpretato, fra gli altri, da Franco Nardi in "Canti de la malavita a Roma", 1969 e da Luisa De Santis in "Roma", 1972

Scheda del canto
Anno
Lingua
Inserito da
mary read

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!