O Gorizia

La storia cantata: La battaglia di Gorizia (9 Agosto 1916)
La mattina del cinque di agosto si muovevano le truppe italiane per Gorizia, le terre lontane e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Dom Fam Dom Do7 La mattina del cinque di agosto Fam La#7 Re# Sol7 si muovevano le truppe italiane Do7 Sol7 Dom Do7 per Gorizia, le terre lontane Fam Sol7 Dom e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Do#m Fa#m Do#m Do#7 La mattina del cinque di agosto Fa#m Si7 Mi Sol#7 si muovevano le truppe italiane Do#7 Sol#7 Do#m Do#7 per Gorizia, le terre lontane Fa#m Sol#7 Do#m e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Rem Solm Rem Re7 La mattina del cinque di agosto Solm Do7 Fa La7 si muovevano le truppe italiane Re7 La7 Rem Re7 per Gorizia, le terre lontane Solm La7 Rem e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Re#m Sol#m Re#m Re#7 La mattina del cinque di agosto Sol#m Do#7 Fa# La#7 si muovevano le truppe italiane Re#7 La#7 Re#m Re#7 per Gorizia, le terre lontane Sol#m La#7 Re#m e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Mim Lam Mim Mi7 La mattina del cinque di agosto Lam Re7 Sol Si7 si muovevano le truppe italiane Mi7 Si7 Mim Mi7 per Gorizia, le terre lontane Lam Si7 Mim e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Fam Sibm Fam Fa7 La mattina del cinque di agosto Sibm Mib7 Lab Do7 si muovevano le truppe italiane Fa7 Do7 Fam Fa7 per Gorizia, le terre lontane Sibm Do7 Fam e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Fa#m Sim Fa#m Fa#7 La mattina del cinque di agosto Sim Mi7 La Do#7 si muovevano le truppe italiane Fa#7 Do#7 Fa#m Fa#7 per Gorizia, le terre lontane Sim Do#7 Fa#m e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Solm Dom Solm Sol7 La mattina del cinque di agosto Dom Fa7 La# Re7 si muovevano le truppe italiane Sol7 Re7 Solm Sol7 per Gorizia, le terre lontane Dom Re7 Solm e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Sol#m Do#m Sol#m Sol#7 La mattina del cinque di agosto Do#m Fa#7 Si Re#7 si muovevano le truppe italiane Sol#7 Re#7 Sol#m Sol#7 per Gorizia, le terre lontane Do#m Re#7 Sol#m e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Lam Rem Lam La7 La mattina del cinque di agosto Rem Sol7 Do Mi7 si muovevano le truppe italiane La7 Mi7 Lam La7 per Gorizia, le terre lontane Rem Mi7 Lam e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Sibm Mibm Sibm Sib7 La mattina del cinque di agosto Mibm Lab7 Reb Fa7 si muovevano le truppe italiane Sib7 Fa7 Sibm Sib7 per Gorizia, le terre lontane Mibm Fa7 Sibm e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Sim Mim Sim Si7 La mattina del cinque di agosto Mim La7 Re Fa#7 si muovevano le truppe italiane Si7 Fa#7 Sim Si7 per Gorizia, le terre lontane Mim Fa#7 Sim e dolente ognun si partì. Sotto l'acqua che cadeva a rovescio grandinavano le palle nemiche; su quei monti, colline e gran valli si moriva dicendo così: O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu O vigliacchi che voi ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana, questa guerra ci insegna a punir. Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini; qui si muore gridando: assassini! maledetti sarete un dì. Cara moglie, che tu non mi senti raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini, che io muoio col suo nome nel cuor. Traditori signori ufficiali che la guerra l'avete voluta, scannatori di carne venduta, e rovina della gioventù O Gorizia, tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza; dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu.
Informazioni

La battaglia di Gorizia si svolse tra il 9 e il 10 agosto del 1916.

52.000 italiani e 41.000 austriaci morirono a Gorizia in un massacro. Questo canto, di anonimo, fu presentato a Spoleto nello spettacolo "Bella ciao" e tutti gli artisti furono denunciati per "Vilipendio allao Stato ed alla Patria" da due ufficiali presenti in sala.

(maria rollero) 

La penultima strofa non è presente nella fonte citata.

Fonte

 

AA.VV., Avanti popolo - Due secoli di popolari e di protesta civile, Roma, Ricordi, 1998

 

Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!