Noi siamo gli internati

La storia cantata: La liberazione del lager di Auschwitz (27 Gennaio 1945)
Quando vedremmo lontano il nostro bel tricolor pregammo tutti, pian piano col pianto ingola, il Signor. Sia maledetto il germano! Morte al tedesco oppressor. Patria, dalla Germania siamo ritornati... Patria, apri le braccia! Siamo gli internati! Sui visi torturati c'è il marchio delle pene e tu che ci vuoi bene non ci lasciare più! Patria, ma tanti e tanti son rimasti laggiù, morti insepolti, che il tuo bel sole non vedrà mai più. Fame, torture e lavoro, questo il tedesco ci die'... Se avevi un ciondolo d'oro te lo strappavan, perchè erano belve e tra loro essere umano non c'è...
Fonte

Savona A. Virgilio, Straniero Michele L., Canti della Resistenza italiana, Milano, Rizzoli, 1985

Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!