Mama mia mi sun stufa

Ti possono interessare anche..

#ildeposito25aprile2020

Nella pagina Facebook abbiamo organizzato una cantata collettiva.
Un video inviato dagli utenti ogni 10 minuti, non mancate!

https://www.facebook.com/ildeposito.org
Mama mia mi sun stufa O de fa la filerina el cal e el poc a la matina el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Do Sol Mama mia mi sun stufa Do O de fa la filerina Sol el cal e el poc a la matina Do el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Do# Sol# Mama mia mi sun stufa Do# O de fa la filerina Sol# el cal e el poc a la matina Do# el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Re La Mama mia mi sun stufa Re O de fa la filerina La el cal e el poc a la matina Re el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Re# Sib Mama mia mi sun stufa Re# O de fa la filerina Sib el cal e el poc a la matina Re# el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Mi Si Mama mia mi sun stufa Mi O de fa la filerina Si el cal e el poc a la matina Mi el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Fa Do Mama mia mi sun stufa Fa O de fa la filerina Do el cal e el poc a la matina Fa el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Fa# Do# Mama mia mi sun stufa Fa# O de fa la filerina Do# el cal e el poc a la matina Fa# el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Sol Re Mama mia mi sun stufa Sol O de fa la filerina Re el cal e el poc a la matina Sol el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Sol# Re# Mama mia mi sun stufa Sol# O de fa la filerina Re# el cal e el poc a la matina Sol# el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
La Mi Mama mia mi sun stufa La O de fa la filerina Mi el cal e el poc a la matina La el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Sib Fa Mama mia mi sun stufa Sib O de fa la filerina Fa el cal e el poc a la matina Sib el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Si Fa# Mama mia mi sun stufa Si O de fa la filerina Fa# el cal e el poc a la matina Si el pruvin du volt al di. Mama mia mi sun stufa tutt al di a fa andà l’aspa voglio andare in bergamasca in bergamasca a lavorar. El mestè de la filanda l’è el mestè degli assassini poverette quelle figlie che son dentro a lavorar. Siam trattati come cani, come cani alla catena, non è questa la maniera o di farci lavorar. Tutt me disen che sun gialda l’è ‘l culur della filanda quando poi sarò in campagna miei colo ritorneran. Tutt me disen che sun nera l’è ‘l culur della candela il mio amor me lo diceva de fa no ‘stu brut mestè.
Informazioni

Canto di filanda pubblicato nel 1940 da Bollini e Frescura. (Maria Rollero)
Il “cal”, il “poc”, e il “pruvin” erano controlli a cui era sottoposta la produzione delle “filandere”.

 

Fonte

Vettori G., Il folk italiano. Canti e ballate popolari, Newton Compton, Roma 1975

Scheda del canto
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!