L'unioni fa la forza

Omini, donni, picciriddi e vecchi sintiti tutti li travagghiaturi ppi chista fidi rapiti l'aricchi ppi chista fidi ca si chiama amuri. Amuri ppi lo pòpulu sfruttatu e ràggia ppi li ricchi e li patruna amuri ppi l'oppressu e l'angustiatu ràggia ppe traditura e li latruna. U riccu mangia bonu e dorme assai iddu ci menti a panza e nui u travàgghiu saziu tu non lu poi truvari mai nuatri 'n'amu addubbari a pani e àgghiu. A nostra ràggia contro i sfruttaturi avi vint'anni ca a abbiamu o ventu i falsi comunista tradituri si la vannu vinnennu o parlamentu. Ni cùntunu di lotti ca vincemu di ranni passi avanti c'amu fattu ma sempri o stissu puntu nuatri semu fra u pòviru e u riccu nun c'è pattu. Ìttanu 'n terra la bannera russa pénsunu sulu e voti pp'acchianari ppi stari cche patruna fannu a cursa u pòpulu ci aggiuva ppi vutari. Ma la bannera russa arrisurgìu di 'n terra fu 'nta l'aria 'nta mumentu i veri cumunista arricugghìu contru i patruna e contru u tradimentu. Nasciu u partitu i tutti l'operài fattu di comunista giusti e boni chiddu ca non ni pò tradiri mai fa addivintari u pòpulu n'unioni. L'unioni fa la forza e a forza vinci vinci e patruna e tutti i tradituri la lingua parra schetta e cchiù non 'mpinci u pòpulu è lu veru salvaturi.
Informazioni
La canzone è stata scritta da Ciccio Giuffrida nel 1970 sull'aria di un canto popolare siciliano(O cuntadinu sutta lu zappuni; v.R.Balistreri).
Fonte
Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975
Scheda del canto
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!