Lottete combattete (Stornelli 1918-1948)

Lottete combattete (Stornelli 1918-1948)

Ti possono interessare anche..

"Lottete combattete, vi attende vittoria! Figli d'Italia, per il Re vincerete: quando tornate a casa coperti di gloria onori e in cambio la terra ne avrete" Più di quattrocentomila fanti crepati ebber la terra sul Carso e sul Grappa: quando tornarono a casa feriti, accecati - bastone, galera, esilio e scialappa. Vittorio che fu il primo traditore e che lo vorse fa vortabandiera diede er cummanno a'n porco dittatore pe farla fa' na disastrosa guera Vittorio Emanuele, che cosa voi? tutta la gioventù mori' la fai tutta la gioventù co te la voi ma verà er dì che te ne pentirai perché tu pe strano caso non sei ancora persuaso che sarvo ognuno la monarchia nun la vo' più neciuno Per ordine del Duce stasera senza luce stanotte rioplani inglesi e mericani e così sia abbiamo perso Africa e Tunisia Pe l'insalata ce vole l'ojo pe scappa' ce vo' Badojo pe perde li confini ce vonno Hitler e Musolini Vittorio Emmanuele falla finita non vedi che l'Italia è ruvinata? non vedi che l'Italia è disistrata? bandiera dei Savoja è bifinita e la casa dei Savoja è la casa de l'imbroja: è'n fatto strano vedello scappa'n re come a'n somaro Manco si questo fusse troppo poco so venuti i Tedeschi puzzolenti pe mette lo Stivale tra fero e foco e massacra' li poveri inocenti E li Tedeschi e Musolini so stati na massa d'assassini povera Italia come ce l'ha ridotta sta canaja Umbertino credeva d'esse 'n dritto come Pilato se lavò le mano ma er popolo italiano zitto zitto c'ha levato l'Italia tra le mano. Er due de giugno s'è unito fitto fitto assieme a'n po' de democristiani l'ha tolto re Umbertino a fallo er gallo si vadi a fa' ammazzare ar Portogallo Er diciotto d'aprile l'Italiani svortorno in un'acerima battaja più peggio che si fusse na mitraja ricominciorno tutti quanti i mali certi boja carcerati se so troppo arifrancati nun ce so santi bisognaria cacciarli a tutti quanti Mo governaccio sei tutto no sfacello te dico male no nun t'arigrazio Ce tratti accome carne da macello Tutto hai mangiato tutto e non sei sazio Ma è inutile aripete er ritornello ché oggi pe campa' è tutto no strazio chi ce cummanna è na grossa balena che coi pesci più piccoli fa cena Questi signori de la maggioranza che in tutto er monno la fanno schifenza rinchiuderli vorei drento una stanza e falli resta' poi de cibo senza e si c'ha fame er proletario magna bene er mijonario co questa vita la fame drento all'ossa s'è ingarnita Ma noi che semo de la fila manca e troppa ce n'avemo de pazienza noi li volemo i condottieri onesti perciò ce vonno i veri communisti che da sempre poveretti nun c'hanno secondi piatti: cari fratelli, basso lo scudo e in alto li martelli!
Informazioni

Stornelli storico-politici di area romana, dalla fine della prima guerra mondiale alle elezioni del 18 aprile 1948.

Melodie tradizionali del Lazio (ottave e stornelli alla maniera del sor Capanna, cfr. So stato a lavora', eseguita dal Canzoniere del Lazio)

Fonte

Graziella Di Prospero (In mezzo al petto mio ce sta 'n zerpente, Cetra LPP 387, 1978)

Scheda del canto
Lingua
Inserito da
quintessella

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!