L'inferno bianco (Mattmark)

La storia cantata: La tragedia di Mattmark (30 Agosto 1965)
Io vegnu di lu nfernu figghi mei unni lu suli non si vidi mai unni la nivi ammazza li cristiani e piglia lu culori di lu sangui. Nun mi guardati mali figghi mei diavolo non è lu patri vostro di tutti li cumpagni che rimasiru la montagnazza non ebbi pietà Franau la muntagna di lu nfernu terrenu e nuddu vosi cridiri chiddi che mureru. Giuvanni tanti voti si ni vulia turnari ma la muntagna 'nfami lu vosi seppelliri. Giuvanni partiu cuntenti ppi lu so destino con la valigia piena di spiranzi na lacrima ammucciata intra lu cori e a so matruzza tutti li penseri. Ora ci sta dda vecchia che l'aspetta vestita a nero ccu l'occhi di pianto arriva l'emigranti da luntanu dentro la bara l'ultimo suo viaggio. Franau la muntagna di lu nfernu terrenu e nuddu vosi cridiri chiddi che mureru. E ora li emigranti sono morti seppelliti di la montagna, a Mattmark e li giornali parlano, parlano... Duluri e passioni tre giorni di pietati poi ripiglia lu nfernu ppi li nostri emigrati.
Informazioni

La canzone rievoca l'episodio del 30 agosto 1965 a Mattmark, in Svizzera, che costò la vita a ottantotto operai, cinquantasei dei quali italiani, travolti da una valanga, staccatasi dal ghiacciaio di Mattmark.

Fonte

Trincale Franco, LP Siamo uguali alla catena, LP  Divergo  DVA 014

Scheda del canto
Autori testo
Lingua
Traduzione
L'inferno bianco
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!