Li mestieri

Mo' ve cuntu de li mestieri: li scarpari su li primi, se la inchiene la panza cu nu piattu de lupini. Lariro, larirollallero, lariro, larirollallà. Mo' ve cuntu li falignami, tuttu lu giurnu liscia liscia, quannu spicciane la sciurnata, se la futtene la pignata. Lariro... Ca po rriane li trainieri, fannu na vita de cavalieri, quannu rriane alla 'nchianata la castimane l'Immacolata. Lariro... Mo' ve cuntu de li ferrari, tuttu lu giurnu batti batti, quannu spicciane li crauni se li rattane li pampasciuni. Lariro... Mo' ve cuntu de li 'mpiegati, fannu na vita de padreternu, quannu 'rriva lu ventisette, te lu squajane lu guvernu. Lariro... Mo' ve cuntu li contadini, fannu figura de pezzenti, quannu spicciane la staggione, nun hannu cotu propriu nienti.
Informazioni
Canto tradizionale salentino con cui, con grande ironia e forza, si denuncia il sottopagamento e le cattive condizioni di molti lavori.
Fonte
Valentina Locchi
Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!