Lassù sulle colline del Piemonte

Lassù sulle colline del Piemonte ci stanno i partigiani a guerreggiar guardando la pianura all'orizzonte aspettano il momento di calar, ma un dì pure tu laggiù ritornerai la mamma e la bella abbraccerai, ma un dì pure tu laggiù ritornerai la mamma e la bella bacerai. Lassù in un lontano casolare la mamma con le mani giunte stà pregando per il figlio che combatte per dare all'Italia libertà ma un dì pure tu laggiù ritornerai la mamma e la bella bacerai, ma un dì pure tu laggiù ritornerai la mamma e la bella abbraccerai.
La Lassù sulle colline del Piemonte Mi La ci stanno i partigiani a guerreggiar guardando la pianura all'orizzonte Mi La aspettano il momento di calar, Re La ma un dì pure tu laggiù ritornerai Mi La la mamma e la bella abbraccerai, Re La ma un dì pure tu laggiù ritornerai Mi La la mamma e la bella bacerai.
Informazioni

Trasformazione della canzonetta "Laggiù nel paradiso delle Haway" operata da tre studenti partigiani milanesi sulla stessa melodia.

E' nota anche un'ulteriore strofa, che ci ha comunicato Alberto, figlio del partigiano garibaldino Enzo Lalli, protagonista della resistenza torinese:
Lassù un partigiano vince o muore
lottando per la patria con valor,
scacciando giù dai monti l'invasore
per dare all'Italia un po' d'onor.

Esiste anche una versione dei partigiani dell'Appennino Emiliano : Lassù sulle colline di Bologna

Fonte
Savona A. Virgilio, Straniero Michele L., Canti della Resistenza italiana, Milano, Rizzoli, 1985
Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti

roberta il 04/21/2018 - 12:06 ha scritto:

Versione in dialetto della Val Pellice (TO) del poeta partigiano Franco Pasqut (Torre Pellice 1925-2018)

LASU', S'LE MOUNTANHE D' ENGRENHA

Lasù, s'le mountànhe d'Ëngrénha
la iè na banda 'd partigian:
i vardou ju vèrs la pianura,
la nèbia i couàta le sitâ...

S'li ven lou dì
qu'lajù mi tournerài,
mia mama, cara mama ëmbrassarai!

Lajù, 'nt na véia cazota
na mama i speta soi meinà:
i prìa për soi fij qui soun 'n mountanha,
për dounà a l'Italia libertà...

S'li ven lou dì
qu'lajù mi tournerài,
mia mama, cara mama ëmbrassarai

Per inserire un commento è necessario registrarsi!