Lamento di un servo a un santo crocifisso

Un servu tempu fa, di chista piazza cussì prijava a un Cristu, e cci dicìa: - Signuri, 'u me' patruni mi strapazza, mi tratta comu un cani di la via; tuttu si pigghia ccu la so manazza, la vita dici ca mancu hedi mia; si jò mi lagnu,cchiù peju amminazza, ccu ferri mi castìja a prigionia; undi jò vi preju, chista mala razza distruggìtila vui, Cristu, pri mia. - - E tu forsi chi hai ciunchi li razza, o puru l'hai 'nchiuvati comu a mia? Cui voli la giustizia si la fazza, né speri ch'autru la fazza pri tia. Si tu si omu e non si' testa pazza, metti a prufittu sta sintenza mia: jò non sarìa supra sta cruciazza, si avissi fattu quantu dicu a tia. -
Informazioni

Canto pubblicato - dopo una versione rimaneggiata per censura nel 1857 - nel 1870/74 nell'AmPlissima raccolta di canti popolari siciliani, da Lionardo Vigo. Questo canto è stato usato da Dario Fo nei suoi spettacoli( La Giullarata, Ci ragiono e canto ), Modugno ne ricavò il testo di Malarazza, interpretata in seguito da moltissimi gruppi e cantanti, con l'aggiunta di un ritornello.

Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!