Lacreme e' cundannate

La storia cantata: La condanna a morte di Sacco e Vanzetti (23 Agosto 1927)
Sta tutt’o munne sane arrevutate pe’ Ssacch’e ppe’ Vanzette cundannate e chi vvigliaccamente l’ha ‘nfamate maj n’ura ‘e pace nunn ha dda truva’ A ttutt’ i pparte arrivane pruteste ‘n quantità facenne appelle cercano ‘e farle aggrazzia’ Doppo sett’anni ‘e pene e’ carcerate tra vita e mmorte chisti sventurate mo’ ca ‘a cundanna ll’hanno cunfermate nun ce sta mezze pe’ ‘e puté salvà Sulo ‘o governatore ggiustizia la po’ ffà Si Die ‘n ce mette ‘o core ‘a grazzia la farrà So’ state senza core tutte quante pure e’ ggiurate ma che ‘nfame ggente Nun sentene raggione chi è ‘nnucente Chesta nunn è ggiustizzia, è ‘nfamità Sti sfortunate chiagnene so’ rrassignate ggià e dint’a cella spettano ccà Ddio l’ha dda salvà
Informazioni
Canzone in napoletano che circolava negli USA incisa in vinile a 78 giri, a testimonianza della popolarità del caso dei due anarchici imputati di rapina ed omicidio di un agente, ma in realtà presi di mira proprio perché anarchici e per di più italiani.
Scheda del canto
Lingua
Tags
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!