La smortina

Ama chi ti ama, Non amare chi ti vuol male, Specialmente il caporale E i padroni che sfruttano te. Non badare se son smortina, È la risaia che mi rovina, Quando poi sarò a casa mia I miei colori ritorneran. I miei colori son ritornati, Il mio amore mi ha abbandonato, Se saremo destinati Torneremo a incominciar. Non badare se io canto, La passione l'ho di dentro, Il mio cuore non è contento Ma è felice chi lo godrà. Io son nata risaiola, Risaiola di Reggio Emilia, Ho lasciato la mia famiglia Per venire a lavorar. Per venire a lavorare Ho lasciato la mia casa, Quaranta giorni dovrò restare Sempre curva sul lavor. Ama chi ti ama, Non amare chi ti vuol male, Specialmente il caporale E i padroni che sfruttano te.
Informazioni

Canto di risaia dal repertorio di Giovanna Daffini.

Vedi anche Ama chi ti ama, di Giovanna Marini.

Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!