La leggenda della Neva

La Neva contemplava della folla umile e oscura il pianto silenzioso e la tortura. La plebe sanguinava come Cristo sulla Croce svenata dalla monarchia feroce che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Ma sorse alfin un Uomo di coraggio che infranse le catene del servaggio e sterminò le piovre fino in fondo. Quell'uomo fu Lenin liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Do Sol La Neva contemplava Do Fa della folla umile e oscura Do Re Sol il pianto silenzioso e la tortura. Do Sol La plebe sanguinava Do Fa come Cristo sulla Croce Do Sol Fa svenata dalla monarchia feroce Sol che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Do Sol Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Rem Sol Do che infranse le catene del servaggio Sol e sterminò le piovre fino in fondo. Do Quell'uomo fu Lenin Sol Do liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Do# Sol# La Neva contemplava Do# Fa# della folla umile e oscura Do# Re# Sol# il pianto silenzioso e la tortura. Do# Sol# La plebe sanguinava Do# Fa# come Cristo sulla Croce Do# Sol# Fa# svenata dalla monarchia feroce Sol# che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Do# Sol# Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Re#m Sol# Do# che infranse le catene del servaggio Sol# e sterminò le piovre fino in fondo. Do# Quell'uomo fu Lenin Sol# Do# liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Re La La Neva contemplava Re Sol della folla umile e oscura Re Mi La il pianto silenzioso e la tortura. Re La La plebe sanguinava Re Sol come Cristo sulla Croce Re La Sol svenata dalla monarchia feroce La che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Re La Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Mim La Re che infranse le catene del servaggio La e sterminò le piovre fino in fondo. Re Quell'uomo fu Lenin La Re liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Re# La# La Neva contemplava Re# Sol# della folla umile e oscura Re# Fa La# il pianto silenzioso e la tortura. Re# La# La plebe sanguinava Re# Sol# come Cristo sulla Croce Re# La# Sol# svenata dalla monarchia feroce La# che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Re# La# Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Fam La# Re# che infranse le catene del servaggio La# e sterminò le piovre fino in fondo. Re# Quell'uomo fu Lenin La# Re# liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Mi Si La Neva contemplava Mi La della folla umile e oscura Mi Fa# Si il pianto silenzioso e la tortura. Mi Si La plebe sanguinava Mi La come Cristo sulla Croce Mi Si La svenata dalla monarchia feroce Si che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Mi Si Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Fa#m Si Mi che infranse le catene del servaggio Si e sterminò le piovre fino in fondo. Mi Quell'uomo fu Lenin Si Mi liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Fa Do La Neva contemplava Fa Sib della folla umile e oscura Fa Sol Do il pianto silenzioso e la tortura. Fa Do La plebe sanguinava Fa Sib come Cristo sulla Croce Fa Do Sib svenata dalla monarchia feroce Do che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Fa Do Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Solm Do Fa che infranse le catene del servaggio Do e sterminò le piovre fino in fondo. Fa Quell'uomo fu Lenin Do Fa liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Fa# Do# La Neva contemplava Fa# Si della folla umile e oscura Fa# Sol# Do# il pianto silenzioso e la tortura. Fa# Do# La plebe sanguinava Fa# Si come Cristo sulla Croce Fa# Do# Si svenata dalla monarchia feroce Do# che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Fa# Do# Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Sol#m Do# Fa# che infranse le catene del servaggio Do# e sterminò le piovre fino in fondo. Fa# Quell'uomo fu Lenin Do# Fa# liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Sol Re La Neva contemplava Sol Do della folla umile e oscura Sol La Re il pianto silenzioso e la tortura. Sol Re La plebe sanguinava Sol Do come Cristo sulla Croce Sol Re Do svenata dalla monarchia feroce Re che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Sol Re Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Lam Re Sol che infranse le catene del servaggio Re e sterminò le piovre fino in fondo. Sol Quell'uomo fu Lenin Re Sol liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Sol# Re# La Neva contemplava Sol# Do# della folla umile e oscura Sol# La# Re# il pianto silenzioso e la tortura. Sol# Re# La plebe sanguinava Sol# Do# come Cristo sulla Croce Sol# Re# Do# svenata dalla monarchia feroce Re# che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Sol# Re# Ma sorse alfin un Uomo di coraggio La#m Re# Sol# che infranse le catene del servaggio Re# e sterminò le piovre fino in fondo. Sol# Quell'uomo fu Lenin Re# Sol# liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
La Mi La Neva contemplava La Re della folla umile e oscura La Si Mi il pianto silenzioso e la tortura. La Mi La plebe sanguinava La Re come Cristo sulla Croce La Mi Re svenata dalla monarchia feroce Mi che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... La Mi Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Sim Mi La che infranse le catene del servaggio Mi e sterminò le piovre fino in fondo. La Quell'uomo fu Lenin Mi La liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Sib Fa La Neva contemplava Sib Mib della folla umile e oscura Sib Do Fa il pianto silenzioso e la tortura. Sib Fa La plebe sanguinava Sib Mib come Cristo sulla Croce Sib Fa Mib svenata dalla monarchia feroce Fa che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Sib Fa Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Dom Fa Sib che infranse le catene del servaggio Fa e sterminò le piovre fino in fondo. Sib Quell'uomo fu Lenin Fa Sib liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Si Fa# La Neva contemplava Si Mi della folla umile e oscura Si Do# Fa# il pianto silenzioso e la tortura. Si Fa# La plebe sanguinava Si Mi come Cristo sulla Croce Si Fa# Mi svenata dalla monarchia feroce Fa# che non paga di forche e di Siberia volle ancor della guerra la miseria... Si Fa# Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Do#m Fa# Si che infranse le catene del servaggio Fa# e sterminò le piovre fino in fondo. Si Quell'uomo fu Lenin Fa# Si liberator del mondo. La Neva trasportava verso il Mar, da Pietrogrado, il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" ed il motto volando per i mari e i continenti destò dal sonno gi schiavi dormenti. E valicò gli Urali, il Kremlino e giunse sino a Monaco e Berlino... Qui sventolando la Bandiera Rossa "Spartaco" diè il segnal della riscossa. E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea - qual immenso falò - la salma risplendea. La Neva commossa alla Sprea vaticinava che non invano "Spartaco" spirava. La pura salma rossa ingigantì la tormenta e... "di denti di draghi fu sementa". Oh quanto ne fu di fertile il terreno e non soltanto sulla Sprea e sul Reno! Ben disse il duce degli Spartachiani: "Malgrado tutto, sarà mio il domani". E l'eco ripetè a tutta la Terra: "Fra oppressi ed oppressor non pace mai, ma guerra!". La Neva altri prodigi non invano prometteva. L'incendio all'universo si estendeva. Minaccia il Po, il Tamigi il Danubio ed altre sponde. Arrosserà del Tebro le acque bionde. Spartaco ruggirà dalla sua fossa: ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!". O sozza tirannia, da troppo langue la folla prona, cui succhiasti il sangue. O casta scellerata e maledetta, è giunto anche per noi il dì della vendetta! Là, sulla sacra Neva sta Lenin che ansioso osserva se la plebe latina è ancora serva. Compagni, su mostriamo ai fratelli bolscevichi che noi non siamo più gli schiavi antichi! E le campane pur suonino a festa per salutar la plebe che s'è desta! Noi dei tiranni il cuore ed il cervello frantumeremo a colpi di martello. Si appressa il giorno del fraterno amore. Mouor con la tirannia il regno del terrore!
Informazioni

Sull'aria de "La leggenda del Piave". Canto che esprime le "febbrili speranze che nutriva nel 1919 il proletariato italiano. Tali speranze (che a molti apparivano certezza) non si realizzarono: si scatenò invece la più bestiale e crudele reazione della storia" (da "Canti Comunisti, di Spartacus Picenus).

Fonte

Spartacus Picenus, Canti comunisti, Milano, Edizioni del Calendario del Popolo, 1967

Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!