La leggenda del soldato morto

Ti possono interessare anche..

#ildeposito25aprile2020

Nella pagina Facebook abbiamo organizzato una cantata collettiva.
Un video inviato dagli utenti ogni 10 minuti, non mancate!

https://www.facebook.com/ildeposito.org
C'era speranza di pace la guerra era sempre li il nostro soldato decise di morire da eroe, e morì Ma il Kaiser la prese assai male e disse "così non va, morire con tanto anticipo è un atto di viltà" E mentre l'estate sfioriva il corpo sottoterra il Kaiser pensò di arruolarlo per rispedirlo in guerra Riuniti in commissione tre della sanità dissotterraron le ossa che marcivan già I medici lo visitarono come se fosse vivo e dissero "Bah, non ha niente" è solo un lavativo Gli dissero "alzati in piedi" Il cielo era tutto blu Senz'occhi il soldato alzò il viso e vide le stelle lassù Gli versarono un poco di grappa sulla salma imputridita lo affidarono a due infermiere e ad una donna un pò svestita E un prete davanti al turibolo e mirra e incenso fumanti perchè tanta puzza non turbi il naso degli astanti E in testa la banda con trombe e tamburi e piatti e cindarara E il bravo soldato che marcia un due eh - un due eh avanti marsc! Fraterni lo reggon due medici marciando con lui se no nel fango senz'altro cadrebbe e il Kaiser direbbe "Ma no!" Dipinto hanno il sudario trovato al cimitero Adesso è un tricolore bianco rosso e nero Davanti a tutti un signore in frak dall'aria assai perbene che sa che alla cerimonie si va vestiti bene Per tutte le strade di notte con trombe tamburi e cindarara barcolla il soldato ma batte il passo ogni colpo di cindarara i cani, i gatti, i somari accorrono a sentire parola d'ordine anche per loro è vincere o morire S'affaccian le donne ai balconi tra fior di geranio e lillà. Risplende in cielo la luna e tutti gridano urrà E il chiasso dei pianti e i saluti il prete e la banda stonata E in mezzo il cadavere in armi come una scimmia drogata Traversa il soldato i villaggi ma vederlo nessun ce la fa Tanti gli stanno dattorno con le trombe i tamburi e gli urrà Gli ballan gli cantano addosso ma lui non si vede già più son forse le stelle a vederlo che brillano in cielo lassù Poi anche le stelle svaniscono e il cielo comincia a schiarire e il bravo soldato ora è pronto per l'ultima volta a morire.
Informazioni

Adattamento di una poesia di Bertolt Brecht, di Strehler, venne interpretata da Milva.

Scheda del canto
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!