La condizione attuale dell'uomo

La condizione attuale dell'uomo

Anno
anna.jpg
Autori testo
Io lavoro al bar, solo poche ore sto senza contratto e lavo al nero quando a sera torno passo a far la spesa spiccio dentro casa, lavo e stendo a iosa guardo i compitini dei miei tre bambini passo un po’ lo straccio, stiro un po’ a casaccio… Ma sono rimasta lì come una cretina aprendo la porta e trovarlo in cucina mi dice “ti prego riposa amor mio ti vedo un po’ stanca, dai cucino io” Me s’è fatto notte, mio dio ma perchè, non è proprio questo che cerco da te… Ma ormai il dado è tratto e ci vuole pazienza e per prima cosa vuole la parannaza e mentre si mette il grembiule pensate, mi dice “mi peli ‘ste trenta patate” Fischietta e mi dice “mentre accendo il fornello mi fai un soffrittino e mi spicci il lavello? ‘ndo sta la ricetta per far la caprese frattanto che la cerco mi fai la maionese mannaggia il telefono chi chiama a quest’ora e mentre rispondo mi sbatti sei ova? Dentro in cucina, mia cara è un casino, ‘ndo cazzo lo trovo il peperoncino…” E intanto che aspetta che l’acqua gli bolle io piango nel mentre gli taglio le cipolle, gli passo il coltello gli piglio la padella perché non ho scelto di far la zitella? Lo so lui non c’entra però non è giusto che dopo trent’anni noi stiamo così E sono rimasta lì come una cretina guardando il bordello che ha lasciato in cucina ‘no schifo per terra gli schizzi sul muro ma viene d’istinto mandarlo affanculo M’ha detto contento “dai vieni a mangiare” gli ho fatto un gestaccio e ho pensato tra me: “se l’uomo imparasse doveri e diritti che non è di certo cucinar due spaghetti ci vuole rispetto e collaborazione soltanto così staremo benone” Io lavoro al bar ho studiato invano qui la parità sta ancora lontano, io sarò cretina ma non so perché continuo a farti fare la parte del re
Informazioni

Ironica e amara parodia scritta da Anna Barile sulla melodia di Albergo a ore di Herbert Pagani del 1969 ( versione italiana di Les amants d'un jour una canzone portata al successo in Francia da Edith Piaf nel 1956), sul ruolo maschile tra le pareti domestiche. Presentata alla festa organizzata del coro Pane e Guerra "Almen nel canto non vogliam padroni!" il 2 marzo 2019 a Ponteranica (BG)

Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Tags
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!