La casa sui bastioni

Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Era un palazzo bello Pieno di bella gente Alla fine dei bastioni Non si sentiva niente I ricchi son discreti Non fanno sceneggiate urlano in silenzio In silenzio fanno le porcate Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte i compagni partigiani Arrivano pedalando Le bici tutte rotte Non vedo le loro facce Non conosco i lori nomi Arrivano fischiando Ii aspetto sul portone Aspetto i volantini della liberazione Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Do Sol Alla mia portineria La7 Re Mi aprivano le gambe Do Sol Mi sputavano sul viso Re Mim Pensavo al mio giardino Do Sol Pensavo al paradiso Re Sol Era un palazzo bello Sol Re Pieno di bella gente Do Sol Alla fine dei bastioni Do Sol Non si sentiva niente La7 Re I ricchi son discreti Do Sol Non fanno sceneggiate Re Mim urlano in silenzio Do Sol In silenzio fanno le porcate Re Sol Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Sol Re i compagni partigiani Do Sol Arrivano pedalando Do Sol Le bici tutte rotte La7 Re Non vedo le loro facce Do Sol Non conosco i lori nomi Re Mim Arrivano fischiando Do Sol Ii aspetto sul portone Re Mim Aspetto i volantini Do Sol della liberazione Re Sol Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Do# Sol# Alla mia portineria Sib7 Re# Mi aprivano le gambe Do# Sol# Mi sputavano sul viso Re# Fam Pensavo al mio giardino Do# Sol# Pensavo al paradiso Re# Sol# Era un palazzo bello Sol# Re# Pieno di bella gente Do# Sol# Alla fine dei bastioni Do# Sol# Non si sentiva niente Sib7 Re# I ricchi son discreti Do# Sol# Non fanno sceneggiate Re# Fam urlano in silenzio Do# Sol# In silenzio fanno le porcate Re# Sol# Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Sol# Re# i compagni partigiani Do# Sol# Arrivano pedalando Do# Sol# Le bici tutte rotte Sib7 Re# Non vedo le loro facce Do# Sol# Non conosco i lori nomi Re# Fam Arrivano fischiando Do# Sol# Ii aspetto sul portone Re# Fam Aspetto i volantini Do# Sol# della liberazione Re# Sol# Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Re La Alla mia portineria Si7 Mi Mi aprivano le gambe Re La Mi sputavano sul viso Mi Fa#m Pensavo al mio giardino Re La Pensavo al paradiso Mi La Era un palazzo bello La Mi Pieno di bella gente Re La Alla fine dei bastioni Re La Non si sentiva niente Si7 Mi I ricchi son discreti Re La Non fanno sceneggiate Mi Fa#m urlano in silenzio Re La In silenzio fanno le porcate Mi La Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte La Mi i compagni partigiani Re La Arrivano pedalando Re La Le bici tutte rotte Si7 Mi Non vedo le loro facce Re La Non conosco i lori nomi Mi Fa#m Arrivano fischiando Re La Ii aspetto sul portone Mi Fa#m Aspetto i volantini Re La della liberazione Mi La Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Re# Sib Alla mia portineria Do7 Fa Mi aprivano le gambe Re# Sib Mi sputavano sul viso Fa Solm Pensavo al mio giardino Re# Sib Pensavo al paradiso Fa Sib Era un palazzo bello Sib Fa Pieno di bella gente Re# Sib Alla fine dei bastioni Re# Sib Non si sentiva niente Do7 Fa I ricchi son discreti Re# Sib Non fanno sceneggiate Fa Solm urlano in silenzio Re# Sib In silenzio fanno le porcate Fa Sib Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Sib Fa i compagni partigiani Re# Sib Arrivano pedalando Re# Sib Le bici tutte rotte Do7 Fa Non vedo le loro facce Re# Sib Non conosco i lori nomi Fa Solm Arrivano fischiando Re# Sib Ii aspetto sul portone Fa Solm Aspetto i volantini Re# Sib della liberazione Fa Sib Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Mi Si Alla mia portineria Do#7 Fa# Mi aprivano le gambe Mi Si Mi sputavano sul viso Fa# Sol#m Pensavo al mio giardino Mi Si Pensavo al paradiso Fa# Si Era un palazzo bello Si Fa# Pieno di bella gente Mi Si Alla fine dei bastioni Mi Si Non si sentiva niente Do#7 Fa# I ricchi son discreti Mi Si Non fanno sceneggiate Fa# Sol#m urlano in silenzio Mi Si In silenzio fanno le porcate Fa# Si Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Si Fa# i compagni partigiani Mi Si Arrivano pedalando Mi Si Le bici tutte rotte Do#7 Fa# Non vedo le loro facce Mi Si Non conosco i lori nomi Fa# Sol#m Arrivano fischiando Mi Si Ii aspetto sul portone Fa# Sol#m Aspetto i volantini Mi Si della liberazione Fa# Si Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Fa Do Alla mia portineria Re7 Sol Mi aprivano le gambe Fa Do Mi sputavano sul viso Sol Lam Pensavo al mio giardino Fa Do Pensavo al paradiso Sol Do Era un palazzo bello Do Sol Pieno di bella gente Fa Do Alla fine dei bastioni Fa Do Non si sentiva niente Re7 Sol I ricchi son discreti Fa Do Non fanno sceneggiate Sol Lam urlano in silenzio Fa Do In silenzio fanno le porcate Sol Do Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Do Sol i compagni partigiani Fa Do Arrivano pedalando Fa Do Le bici tutte rotte Re7 Sol Non vedo le loro facce Fa Do Non conosco i lori nomi Sol Lam Arrivano fischiando Fa Do Ii aspetto sul portone Sol Lam Aspetto i volantini Fa Do della liberazione Sol Do Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Fa# Do# Alla mia portineria Re#7 Sol# Mi aprivano le gambe Fa# Do# Mi sputavano sul viso Sol# Sibm Pensavo al mio giardino Fa# Do# Pensavo al paradiso Sol# Do# Era un palazzo bello Do# Sol# Pieno di bella gente Fa# Do# Alla fine dei bastioni Fa# Do# Non si sentiva niente Re#7 Sol# I ricchi son discreti Fa# Do# Non fanno sceneggiate Sol# Sibm urlano in silenzio Fa# Do# In silenzio fanno le porcate Sol# Do# Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Do# Sol# i compagni partigiani Fa# Do# Arrivano pedalando Fa# Do# Le bici tutte rotte Re#7 Sol# Non vedo le loro facce Fa# Do# Non conosco i lori nomi Sol# Sibm Arrivano fischiando Fa# Do# Ii aspetto sul portone Sol# Sibm Aspetto i volantini Fa# Do# della liberazione Sol# Do# Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Sol Re Alla mia portineria Mi7 La Mi aprivano le gambe Sol Re Mi sputavano sul viso La Sim Pensavo al mio giardino Sol Re Pensavo al paradiso La Re Era un palazzo bello Re La Pieno di bella gente Sol Re Alla fine dei bastioni Sol Re Non si sentiva niente Mi7 La I ricchi son discreti Sol Re Non fanno sceneggiate La Sim urlano in silenzio Sol Re In silenzio fanno le porcate La Re Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Re La i compagni partigiani Sol Re Arrivano pedalando Sol Re Le bici tutte rotte Mi7 La Non vedo le loro facce Sol Re Non conosco i lori nomi La Sim Arrivano fischiando Sol Re Ii aspetto sul portone La Sim Aspetto i volantini Sol Re della liberazione La Re Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Sol# Re# Alla mia portineria Fa7 Sib Mi aprivano le gambe Sol# Re# Mi sputavano sul viso Sib Dom Pensavo al mio giardino Sol# Re# Pensavo al paradiso Sib Re# Era un palazzo bello Re# Sib Pieno di bella gente Sol# Re# Alla fine dei bastioni Sol# Re# Non si sentiva niente Fa7 Sib I ricchi son discreti Sol# Re# Non fanno sceneggiate Sib Dom urlano in silenzio Sol# Re# In silenzio fanno le porcate Sib Re# Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Re# Sib i compagni partigiani Sol# Re# Arrivano pedalando Sol# Re# Le bici tutte rotte Fa7 Sib Non vedo le loro facce Sol# Re# Non conosco i lori nomi Sib Dom Arrivano fischiando Sol# Re# Ii aspetto sul portone Sib Dom Aspetto i volantini Sol# Re# della liberazione Sib Re# Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei La Mi Alla mia portineria Fa#7 Si Mi aprivano le gambe La Mi Mi sputavano sul viso Si Do#m Pensavo al mio giardino La Mi Pensavo al paradiso Si Mi Era un palazzo bello Mi Si Pieno di bella gente La Mi Alla fine dei bastioni La Mi Non si sentiva niente Fa#7 Si I ricchi son discreti La Mi Non fanno sceneggiate Si Do#m urlano in silenzio La Mi In silenzio fanno le porcate Si Mi Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Mi Si i compagni partigiani La Mi Arrivano pedalando La Mi Le bici tutte rotte Fa#7 Si Non vedo le loro facce La Mi Non conosco i lori nomi Si Do#m Arrivano fischiando La Mi Ii aspetto sul portone Si Do#m Aspetto i volantini La Mi della liberazione Si Mi Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Sib Fa Alla mia portineria Sol7 Do Mi aprivano le gambe Sib Fa Mi sputavano sul viso Do Rem Pensavo al mio giardino Sib Fa Pensavo al paradiso Do Fa Era un palazzo bello Fa Do Pieno di bella gente Sib Fa Alla fine dei bastioni Sib Fa Non si sentiva niente Sol7 Do I ricchi son discreti Sib Fa Non fanno sceneggiate Do Rem urlano in silenzio Sib Fa In silenzio fanno le porcate Do Fa Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Fa Do i compagni partigiani Sib Fa Arrivano pedalando Sib Fa Le bici tutte rotte Sol7 Do Non vedo le loro facce Sib Fa Non conosco i lori nomi Do Rem Arrivano fischiando Sib Fa Ii aspetto sul portone Do Rem Aspetto i volantini Sib Fa della liberazione Do Fa Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Ma il 25 Aprile io stavo in galera Re La Mi F#m Pensavo ai fatti miei Si Fa# Alla mia portineria Sol#7 Do# Mi aprivano le gambe Si Fa# Mi sputavano sul viso Do# Re#m Pensavo al mio giardino Si Fa# Pensavo al paradiso Do# Fa# Era un palazzo bello Fa# Do# Pieno di bella gente Si Fa# Alla fine dei bastioni Si Fa# Non si sentiva niente Sol#7 Do# I ricchi son discreti Si Fa# Non fanno sceneggiate Do# Re#m urlano in silenzio Si Fa# In silenzio fanno le porcate Do# Fa# Io son la portinaia Di questo bel palazzo Ma io li frego tutti Sti fascisti assassini Pulisco i loro cessi La merda del padrone Ma dietro lo sciacquone nascondo i volantini Della liberazione. Ma il 25 Aprile io stavo in galera Pensavo ai fatti miei Alla mia portineria Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso Arrivano che fa notte Fa# Do# i compagni partigiani Si Fa# Arrivano pedalando Si Fa# Le bici tutte rotte Sol#7 Do# Non vedo le loro facce Si Fa# Non conosco i lori nomi Do# Re#m Arrivano fischiando Si Fa# Ii aspetto sul portone Do# Re#m Aspetto i volantini Si Fa# della liberazione Do# Fa# Io son la portinaia Di questo di bel palazzo La guerra la combatto Nel giardino sui i bastioni Pulisco i loro cessi La merda dei padroni Ma dietro lo sciacquone Nascondo i volantini della liberazione. Ma il 25 aprile io stavo in galera pensavo ai fatti miei alla mia portineria. Mi aprivano le gambe Mi sputavano sul viso Pensavo al mio giardino Pensavo al paradiso
Informazioni

Canto dedicato a quelle figure spesso anonime che nel silenzio del loro coraggio, senza eroismi ostentati od evidenti hanno comunque con la loro abnegazione contribuito fattivamente alla lotta di resistenza antifascista.

Scheda del canto
Autori musica
Anno
Lingua
Inserito da
Fiorenzo Gualandris

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!