"La..."

Troppo spesso ti sento accusare, sento dire che hai colpa di tutto, tu, o cara, che invece, modesta, stai serena e non drizzi la testa. La cacca. Siamo noi che da sempre sprechiamo di te, cara, lo splendido nome, quando, a forza, appiopparlo vogliamo ad un Nixon, un Agnelli, un padrone. La cacca. E tu, cara, che male ci hai fatto, tu, pacifica e in tutto pudore, tu, che noi abbiamo costretto ad esprimere il nostro furore? La cacca. Il furore allo sbirro cha attacca, ai cialtroni nascosti e palesi, ai padroni, agli sporchi borghesi, perchè mai accostarlo a te, cacca? A te, cara, che in uttta coscienza dai sollievo e non fai mai violenza, che fra le opere umane, in natura, sei de sempre, si sa, la più pura. La cacca. Allo sbirro che sempre ci attacca, ai padroni ed agli imperialisti, è sbagliato accostare la cacca. E' più giusto dire loro fascisti.
Informazioni
E' un blues esilarante, penultima canzone dell'album "La balorda", del 1972. (Salvo Lo Galbo)
Fonte
Della Mea Ivan, La balorda, Vedette Zodiaco, 1972
Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Tags
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!