Inno della rivolta

Inno della rivolta

Anno
Autori testo
Nel fosco fin del secolo morente, sull'orizzonte cupo e desolato, già spunta l'alba minacciosamente del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Do Sol7 Nel fosco fin del secolo morente, Do sull'orizzonte cupo e desolato, Sol7 già spunta l'alba minacciosamente Do del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Do# Sol#7 Nel fosco fin del secolo morente, Do# sull'orizzonte cupo e desolato, Sol#7 già spunta l'alba minacciosamente Do# del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Re La7 Nel fosco fin del secolo morente, Re sull'orizzonte cupo e desolato, La7 già spunta l'alba minacciosamente Re del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Re# Sib7 Nel fosco fin del secolo morente, Re# sull'orizzonte cupo e desolato, Sib7 già spunta l'alba minacciosamente Re# del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Mi Si7 Nel fosco fin del secolo morente, Mi sull'orizzonte cupo e desolato, Si7 già spunta l'alba minacciosamente Mi del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Fa Do7 Nel fosco fin del secolo morente, Fa sull'orizzonte cupo e desolato, Do7 già spunta l'alba minacciosamente Fa del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Fa# Do#7 Nel fosco fin del secolo morente, Fa# sull'orizzonte cupo e desolato, Do#7 già spunta l'alba minacciosamente Fa# del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Sol Re7 Nel fosco fin del secolo morente, Sol sull'orizzonte cupo e desolato, Re7 già spunta l'alba minacciosamente Sol del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Sol# Re#7 Nel fosco fin del secolo morente, Sol# sull'orizzonte cupo e desolato, Re#7 già spunta l'alba minacciosamente Sol# del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
La Mi7 Nel fosco fin del secolo morente, La sull'orizzonte cupo e desolato, Mi7 già spunta l'alba minacciosamente La del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Sib Fa7 Nel fosco fin del secolo morente, Sib sull'orizzonte cupo e desolato, Fa7 già spunta l'alba minacciosamente Sib del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Si Fa#7 Nel fosco fin del secolo morente, Si sull'orizzonte cupo e desolato, Fa#7 già spunta l'alba minacciosamente Si del dì fatato. Urlan l'odio, la fame ed il dolore da mille e mille facce ischeletrit ed urla col suo schianto redentore la dinamite. Siam pronti e dal selciato d'ogni via, spettri macàbri del momento estremo, sul labbro il nome santo d'Anarchia, Insorgeremo. Per le vittime tutte invendicate, là nel fragor dell'epico rimbombo, compenseremo sulle barricate piombo con piombo. E noi cadrem in un fulgor di gloria, schiudendo all'avvenir novella via: dal sangue spunterà la nuova istoria de l'Anarchia
Informazioni

Conosciuto anche come Inno del Molinari, fu cantato nel corso dei moti della Lunigiana del gennaio 1894, tanto da essere utilizzato come prova a carico nel processo che ne seguì.

Da: S. Catanuto e F. Schirone, Il canto anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, Milano, zeroincondotta, 2009.

Fonte

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Tags
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti

quintessella il 02/20/2020 - 10:26 ha scritto:

accordi:
la versione del Gruppo Z (che sembra quella che si ascolta qui) è Do Mim Mi7 Fa Sol (o equivalente in altra tonalità).
Gli accordi del pdf pubblicato adesso su ilDeposito sono più vicini alla versione dei Montelupo (da aggiungere un Sib o Solm, se in Fa), che ricalca da vicino la melodia di Su comunisti della capitale.

Per inserire un commento è necessario registrarsi!