Il padrone socialista

El me partit el va al mercat (ogni tant en succed üna); al mercat della borghesia el cuntratta 'na pultruna. Porco can! L'è andà insema ai demucristian. In di paes propria per questo ogni tant en succed üna: i se becca fra cumpagn, mamma mia che vergogna! Che cuion! Andà insema cui padron. In della session del me paes, n'è success üna propira büna: «Vòi la tessera del Pi Esse I perché el padron l'è socialista». Tal e qual El m'ha dit en manuval. No, la tessera te la dümm mia, perché el partito socialista, anca se adess l'è là al governo, l'è el partit de chi laura. Cui padron se pos mia cullaborà, se pos mia cullaborà, se pos mia cullaborà.
Informazioni

E' lo sfogo di un iscritto al PSI, in un momento politico (PSI nella maggioranza governativa) che produce disorientamento tra la base, che vuole ancora credere che il PSI sia il partito dei lavoratori.. La melodia deriva da una popolare filastrocca per bambini

Fonte

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Scheda del canto
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!