Frigida

E mo te devo di' che sta canzone a quarcuno po' sembrà vorgare ma qui c'è l'impellenza de parlare e si de ste parole famo uso nun te scandalizzà nun famme er muso. Eva l'han fatta sorgere d'Adamo ner costato e allora se credeva d'avecce dimostrato con questa assurdità detta al'umanità che partorì po' n'omo senza tanta difficortà. E poi come si questo nun bastasse hanno presto diffuso tra le masse che tutto quer ch'è sesso è gran peccato co' questo c'hanno ancora sistemato. C'hanno chiamato figgide perchè nun godevamo ma mo s'è risaputo la corpa è de 'st'Adamo ch'ha sempre voluto usà e nun ch'ha mai fatto amà come avrebbe voluto questa nostra sessualità. Ma adesso la clitoride va assai rivalutata mentre la chiesa e l'ommini l'han sempre ignorata ma noi nun ce stamo più e no nun ce stamo più a fasse addoprà ancora ome 'n'orologio a cucù. Er bene nun po' esistere veramente se poi sei soppraffatta dall'amante e si voi vive già da donna vera devi spezzà dei ruoli la barriera che der maschismo è sempre la bandiera. Vogliamo essere libbere e insieme libberare quelli che come noi so' stati qui a penare forse 'na novità pò esse realtà unimese ma subbito 'na forza noi semo già.
Fonte
Movimento Femminista Romano, Canti delle donne in lotta 2,Vedette Albatros, 1976
Scheda del canto
Lingua
Tags
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!