A Fabrizio Ceruso

La storia cantata: Roma, scontri a San Basilio per la lotta sulla casa (8 Settembre 1974)
Soltanto 19 anni per loro non eri nessuno soltanto 19 anni e per loro non eri che uno uno come tanti, un cameriere, un garzone d'officina un operaio, un disoccupato un emigrante eppure quella mattina 8 settembre a San Basilio hanno mandato più di 1000 uomini per ammazzarti più di 1000 uomini che credevano bastasse spararti e sono stati invece loro ad avere paura di te Perchè quella domenica giù a San Basilio eravamo in tanti a non essere nessuno in tanti a difenderci le case a farci la storia con le nostre mani il proletariato sarà sempre per la rivoluzione lo è stato Fabrizio Ceruso a 19 anni se credevate di ammazzarlo avete sbagliato Fabrizio è l'uomo nuovo che non muore mai Fabrizio vive in tutti noi nelle lotte del proletariato altri giovani nel suo nome si preparano già la fossa Il primo ministro, il presidente a dirigere [le operazioni per il tuo assassinio lo stato maggiore riformista mobilitato a condannarti perchè con gli estremisti non volevi sgombrare una montagna di calugne per prepare, giustificare la tua condanna, la tua sicura morte Tanto per ammazzare un proletario un comunista di 19 anni per far pesare la sua morte sulla lotta giusta lotta Ma tanto sferragliare di truppe non è servito a niente il sole rosso è rimasto nei tuoi occhi la rabbia proletaria già l'ha detto compagno Fabrizio noi ti vendicheremo assassini di stato la pagherete e pagherete tutto Ma tanto sferragliare di truppe non è servito a niente il fiore rosso è rimasto sul tuo petto il pianto amaro di tuo padre il rumore prodotto nella coscienza di tanti anche l'odio è prezioso quando il popolo prepara la riscossa na na nanana na na na nanana...
Informazioni

Nel 1974 il movimento per il diritto della casa a Roma, e in particolare nella borngata di San Basilio, era molto forte. Quando, il 5 settembre, la polizia inizia a sgomberare le 150 case occupate (da altrettante famiglie), scatta la resistenza della popolazione che si oppone al tentativo di sgombero. Le manifestazioni e gli scontri si protraggono fino all'8 settembre, quando durante una manifestazione la polizia uccide con un colpo di pistola al petto Fabrizio Ceruso, giovane militante del Comitato Proletario di Tivoli, di diciannove anni.

Scheda del canto
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!