El verniciaro

Qui er magnà è così così na sora ce fa addormentà abbonora e allora sogno de sta' 'nsieme a te e de ditte amore caro e de nun avè mai fatto er verniciaro. Le vernici cianno 'n sacco de colori tutti boni pe sfonatte li pormoni e poi vié na tosse colorata che t'annuncia che c'ihai 'n petto un arcobaleno infetto. So venuti li compagni ierassera Nino ha detto «Jela famo pagà cara a che t'ha ridotto a stà così» me l'ha detto fra li denti co la rabbia de noantri. A ni' a guardà nuvole a fiocchi né sti giorni me se stanno a pulì l'occhi e mo' che ce vedo 'n po' più chiaro nun c'è azzurro che m'encanti pecché so' ch'er celo nasce dalla rabbia de noantri.
Fonte
Nebbiosi Gianni, Mentre la gente se crede che vola, Intingo, 1974
Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!