El diluvi

Ti possono interessare anche..

Te se ricordet, Gioan, del diluvi de l’inverno cinquantun-cinquantaduu: – ALLUVIONE – su tucc i giornaj – IN POLESINE – in tucc i edizion – IL PO STRARIPA – giò acqua! – IL PO IN PIENA – CASE ALLAGATE DISPERSI A CENTINAIA – riva i pompieri e riva anca l’esercit a fermà ‘l Po con sabia e ball de paja. E poeu le foto, Gioan, te se ricordet, galline e cani e mucche nella fanga, la gent quatada là in cima ai tecc (l’è on gran silensi d’acqua e de dolor)… Se gh’è de dì, Gioan?, me par nient’alter, i mort hinn mort, i viv mort anca lor, doa gh’era i cà, el gran e poeu la vita adess gh’è acqua e acqua e poeu dolor. E mi hoo vist, Gioan, a la stazion fagott e fioeu e mocol, “Mondo boja!” e la speranza l’è vizi e religion, e quela gent de sperà g’ha minga voeuia. CAMPO PROFUGHI DI GRECO, una scuola, i han piantaa là ind ona quaj manera e preti e suore intorn a fà la spola e di cartell VIETATO BESTEMMIARE. El pret ‘lè ‘ndaa da vun: «’Ndemm a pregà, gh’è’l paradis, prega!», ‘l g’ha propost; e quel là ‘l s’è traa su: «Mi sont danaa, mi sont già mò a l’inferno!», ‘l g’ha rispost.
Informazioni

tratto dal disco "Io so che un giorno" - 1966 ed. I dischi del sole.

Il canto racconta è dedicato alla tragica alluvione del Polesine del 1951.

Fa parte del ciclo di canti nel quale l'autore parla a Gioan (Gianni Bosio).

Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Tags
Inserito da
Roberto Deiana

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!