Custodi

Ti possono interessare anche..

Quando penso ai martiri e agli eroi Io penso a Durruti e Che Guevara All’esempio giunto fino a noi Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Poi ritorna a casa e dorme stretta Preso dall’asilo il suo bambino Tutta la sua vita è nella fretta Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Dom Quando penso ai martiri e agli eroi Fam Sib Io penso a Durruti e Che Guevara Re# Dom All’esempio giunto fino a noi Sol# Sol7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Dom Poi ritorna a casa e dorme stretta Sol# Preso dall’asilo il suo bambino Sib Tutta la sua vita è nella fretta Sol7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Do#m Quando penso ai martiri e agli eroi Fa#m Si Io penso a Durruti e Che Guevara Mi Do#m All’esempio giunto fino a noi La Sol#7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Do#m Poi ritorna a casa e dorme stretta La Preso dall’asilo il suo bambino Si Tutta la sua vita è nella fretta Sol#7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Rem Quando penso ai martiri e agli eroi Solm Do Io penso a Durruti e Che Guevara Fa Rem All’esempio giunto fino a noi Sib La7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Rem Poi ritorna a casa e dorme stretta Sib Preso dall’asilo il suo bambino Do Tutta la sua vita è nella fretta La7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Re#m Quando penso ai martiri e agli eroi Sol#m Do# Io penso a Durruti e Che Guevara Fa# Re#m All’esempio giunto fino a noi Si Sib7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Re#m Poi ritorna a casa e dorme stretta Si Preso dall’asilo il suo bambino Do# Tutta la sua vita è nella fretta Sib7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Mim Quando penso ai martiri e agli eroi Lam Re Io penso a Durruti e Che Guevara Sol Mim All’esempio giunto fino a noi Do Si7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Mim Poi ritorna a casa e dorme stretta Do Preso dall’asilo il suo bambino Re Tutta la sua vita è nella fretta Si7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Fam Quando penso ai martiri e agli eroi Sibm Mib Io penso a Durruti e Che Guevara Lab Fam All’esempio giunto fino a noi Reb Do7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Fam Poi ritorna a casa e dorme stretta Reb Preso dall’asilo il suo bambino Mib Tutta la sua vita è nella fretta Do7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Fa#m Quando penso ai martiri e agli eroi Sim Mi Io penso a Durruti e Che Guevara La Fa#m All’esempio giunto fino a noi Re Do#7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Fa#m Poi ritorna a casa e dorme stretta Re Preso dall’asilo il suo bambino Mi Tutta la sua vita è nella fretta Do#7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Solm Quando penso ai martiri e agli eroi Dom Fa Io penso a Durruti e Che Guevara Sib Solm All’esempio giunto fino a noi Re# Re7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Solm Poi ritorna a casa e dorme stretta Re# Preso dall’asilo il suo bambino Fa Tutta la sua vita è nella fretta Re7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Sol#m Quando penso ai martiri e agli eroi Do#m Fa# Io penso a Durruti e Che Guevara Si Sol#m All’esempio giunto fino a noi Mi Re#7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Sol#m Poi ritorna a casa e dorme stretta Mi Preso dall’asilo il suo bambino Fa# Tutta la sua vita è nella fretta Re#7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Lam Quando penso ai martiri e agli eroi Rem Sol Io penso a Durruti e Che Guevara Do Lam All’esempio giunto fino a noi Fa Mi7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Lam Poi ritorna a casa e dorme stretta Fa Preso dall’asilo il suo bambino Sol Tutta la sua vita è nella fretta Mi7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Sibm Quando penso ai martiri e agli eroi Mibm Lab Io penso a Durruti e Che Guevara Reb Sibm All’esempio giunto fino a noi Solb Fa7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Sibm Poi ritorna a casa e dorme stretta Solb Preso dall’asilo il suo bambino Lab Tutta la sua vita è nella fretta Fa7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Sim Quando penso ai martiri e agli eroi Mim La Io penso a Durruti e Che Guevara Re Sim All’esempio giunto fino a noi Sol Fa#7 Tutta quella lotta che rischiara Penso a Rosa Luxemburg ribelle A chi si è giocato in un minuto Nella solitudine le stelle Senza avere il tempo di un saluto Corre, corre la locomotiva Gramsci nella cella che scriveva E Pinelli sopra il motorino Pino quel mattino che correva Poi mi viene in mente anche il sorriso Di una dottoressa che conosco Che operava nel Burkina Faso Quando andava in ferie ad ogni agosto Dieci anni e più di precariato Sola con un figlio ed una madre Lei che corre sempre senza fiato E mangia uno yogurt per le strade Scappa nella metropolitana Strappa dalla morte i suoi fratelli Fa guerriglia ogni settimana Lotta coi suoi ferri al Cardarelli Sim Poi ritorna a casa e dorme stretta Sol Preso dall’asilo il suo bambino La Tutta la sua vita è nella fretta Fa#7 Nel caffè che brontola al mattino Viene la paura del contagio Tutti chiusi nell’isolamento Il silenzio vuoto è un nubifragio Tutto un brulicare di cemento L’ospedale adesso è la frontiera Del bombardamento, la trincea Ogni bollettino della sera Mette la paura in ogni idea Questa dottoressa che continua Per coraggio o per disperazione Per coscienza, forza o disciplina Va sul fronte e aiuta le persone Sa che può portare in sé il nemico Dentro la sua casa, fra i suoi cari gli incubi, i pericoli, il dolore Tutta quella lotta che rischiara Quando pensi all’angelo custode Non pensare a gente sovrumana Pensa che ti sta schiacciando un piede Nella stessa metropolitana
Informazioni

"Questa è una canzone scritta durante l’emergenza, ma non improvvisata. Non parla dell’emergenza in sé, parla della storia di una giovane lavoratrice (un chirurgo del Cardarelli, il principale ospedale di Napoli) che è anche madre di un bambino di tre anni, e che ci si è trovata proiettata dentro - come si usa dire - in prima linea.
È il mio omaggio a queste lavoratrici, attraverso la vita di una di loro, che ho la fortuna di conoscere." (Alessio Lega)

Fonte

Comunicata dall'autore, Alessio Lega

Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Inserito da
Roberto Deiana

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!