Cu' trenta carrini: tarantella dei baraccati

Cu' trenta carrini: tarantella dei baraccati

Anno
Canzoniere del Lazio
Autori testo

Ti possono interessare anche..

Cu’ trenta carrini m’accattai na vigna mi l’accattai sopra na montagna cui si scippò lo graspu e cui la vigna povera vigna mia lavora e magna, povera vita mia lavora e magna. Tanta e tantu me pari un castello cridennu ch’era ieu lu castillanu ma dopo fatto priziusu e bellu le chiavi mi spariru, bella, di li mani. Titititititititititu Stanotte ci su statu, dumani notti puru, nun minni vaiu mancu si mi portano allu scuru. (2 v.) Stanotte ci su statu a durmì suttu u cavallu nun minni vaiu mancu si m’arresta u marisciallu. (2 v.) Stanotte ci su statu de cava cinque giorna nun minni vaiu mancu si mi spuntano li corna. (2 v.) Lu ziu miu da mari ca vurria la barba fatta ma in mancanza di sapuni si fice cu brodo di maccaruni. (2 v.) Stanotte ci su statu, dumani notti puru, nun minni vaiu mancu si mi portano allu scuru. (2 v.)
Informazioni

Fusione di due brani registrati da Sandro Portelli il 14 marzo 1970 sulla piazza del Campidoglio a Roma occupata dai baraccati, stabilitisi e poi espulsi dalle case di via Serpentara. Le prime 2 strofe appartengono a una diffusissima canzone siculo-calabrese, seguono alcuni stornelli improvvisati dagli occupanti e cantati ballando la tarantella per scaldarsi (la polizia non permetteva l'accensione di falò).

Fonte

Canzoniere del Lazio, Quando nascesti tune, Edizioni del Gallo, 1973, Milano

Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!