Ballata ai dittatori

Tiranni e generali, marescialli e imperatori, uomini del destino, colonnelli e dittatori, voi che credete d'essere diversi da noi altri, voi che credete d'essere più forti, saggi e scaltri: ora, finché ne avete il tempo, su, date agli altri il buon esempio, e scomparite ai nostri sguardi prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Tiranni e generali, marescialli e imperatori, uomini del destino, colonnelli e dittatori, voi che credete d'essere diversi da noi altri, voi che credete d'essere più forti, saggi e scaltri: tutti gli oppressi di 'sto mondo un dì faranno un girotondo e suoneran tamburi e trombe sopra le vostre tombe.
Dom Tiranni e generali, Fam6 Sol7Dom marescialli e imperatori, uomini del destino, Fam6 Sol7 Dom colonnelli e dittatori, Sol# Re# voi che credete d'essere Dom Sol7 diversi da noi altri, Sol# Re# voi che credete d'essere Fam6 Sol7 più forti, saggi e scaltri: Dom ora, finché ne avete il tempo, Sib su, date agli altri il buon esempio, Dom e scomparite ai nostri sguardi Fam Sib Dom prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Do Tiranni e generali, Fa6 Sol7Do marescialli e imperatori, uomini del destino, Fa6 Sol7Do colonnelli e dittatori, Sol# Re# voi che credete d'essere Dom Sol7 diversi da noi altri, Sol# Re# voi che credete d'essere Fam6 Sol7 più forti, saggi e scaltri: Do tutti gli oppressi di 'sto mondo Sib un dì faranno un girotondo Do e suoneran tamburi e trombe Fa Sib Do Fa Do sopra le vostre tombe.
Do#m Tiranni e generali, Fa#m6 Sol#7Do#m marescialli e imperatori, uomini del destino, Fa#m6 Sol#7Do#m colonnelli e dittatori, La Mi voi che credete d'essere Do#m Sol#7 diversi da noi altri, La Mi voi che credete d'essere Fa#m6 Sol#7 più forti, saggi e scaltri: Do#m ora, finché ne avete il tempo, Si su, date agli altri il buon esempio, Do#m e scomparite ai nostri sguardi Fa#m Si Do#m prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Do# Tiranni e generali, Fa#6 Sol#7Do# marescialli e imperatori, uomini del destino, Fa#6 Sol#7Do# colonnelli e dittatori, La Mi voi che credete d'essere Do#m Sol#7 diversi da noi altri, La Mi voi che credete d'essere Fa#m6 Sol#7 più forti, saggi e scaltri: Do# tutti gli oppressi di 'sto mondo Si un dì faranno un girotondo Do# e suoneran tamburi e trombe Fa# Si Do# Fa#Do# sopra le vostre tombe.
Rem Tiranni e generali, Solm6 La7 Rem marescialli e imperatori, uomini del destino, Solm6 La7 Rem colonnelli e dittatori, Sib Fa voi che credete d'essere Rem La7 diversi da noi altri, Sib Fa voi che credete d'essere Solm6 La7 più forti, saggi e scaltri: Rem ora, finché ne avete il tempo, Do su, date agli altri il buon esempio, Rem e scomparite ai nostri sguardi Solm Do Rem prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Re Tiranni e generali, Sol6 La7 Re marescialli e imperatori, uomini del destino, Sol6 La7 Re colonnelli e dittatori, Sib Fa voi che credete d'essere Rem La7 diversi da noi altri, Sib Fa voi che credete d'essere Solm6 La7 più forti, saggi e scaltri: Re tutti gli oppressi di 'sto mondo Do un dì faranno un girotondo Re e suoneran tamburi e trombe Sol Do Re SolRe sopra le vostre tombe.
Re#m Tiranni e generali, Sol#m6 Sib7Re#m marescialli e imperatori, uomini del destino, Sol#m6 Sib7 Re#m colonnelli e dittatori, Si Fa# voi che credete d'essere Re#m Sib7 diversi da noi altri, Si Fa# voi che credete d'essere Sol#m6 Sib7 più forti, saggi e scaltri: Re#m ora, finché ne avete il tempo, Do# su, date agli altri il buon esempio, Re#m e scomparite ai nostri sguardi Sol#m Do# Re#m prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Re# Tiranni e generali, Sol#6 Sib7Re# marescialli e imperatori, uomini del destino, Sol#6 Sib7Re# colonnelli e dittatori, Si Fa# voi che credete d'essere Re#m Sib7 diversi da noi altri, Si Fa# voi che credete d'essere Sol#m6 Sib7 più forti, saggi e scaltri: Re# tutti gli oppressi di 'sto mondo Do# un dì faranno un girotondo Re# e suoneran tamburi e trombe Sol# Do# Re# Sol#Re# sopra le vostre tombe.
Mim Tiranni e generali, Lam6 Si7 Mim marescialli e imperatori, uomini del destino, Lam6 Si7 Mim colonnelli e dittatori, Do Sol voi che credete d'essere Mim Si7 diversi da noi altri, Do Sol voi che credete d'essere Lam6 Si7 più forti, saggi e scaltri: Mim ora, finché ne avete il tempo, Re su, date agli altri il buon esempio, Mim e scomparite ai nostri sguardi Lam Re Mim prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Mi Tiranni e generali, La6 Si7 Mi marescialli e imperatori, uomini del destino, La6 Si7 Mi colonnelli e dittatori, Do Sol voi che credete d'essere Mim Si7 diversi da noi altri, Do Sol voi che credete d'essere Lam6 Si7 più forti, saggi e scaltri: Mi tutti gli oppressi di 'sto mondo Re un dì faranno un girotondo Mi e suoneran tamburi e trombe La Re Mi La Mi sopra le vostre tombe.
Fam Tiranni e generali, Sibm6 Do7 Fam marescialli e imperatori, uomini del destino, Sibm6 Do7 Fam colonnelli e dittatori, Reb Lab voi che credete d'essere Fam Do7 diversi da noi altri, Reb Lab voi che credete d'essere Sibm6 Do7 più forti, saggi e scaltri: Fam ora, finché ne avete il tempo, Mib su, date agli altri il buon esempio, Fam e scomparite ai nostri sguardi Sibm Mib Fam prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Fa Tiranni e generali, Sib6 Do7 Fa marescialli e imperatori, uomini del destino, Sib6 Do7 Fa colonnelli e dittatori, Reb Lab voi che credete d'essere Fam Do7 diversi da noi altri, Reb Lab voi che credete d'essere Sibm6 Do7 più forti, saggi e scaltri: Fa tutti gli oppressi di 'sto mondo Mib un dì faranno un girotondo Fa e suoneran tamburi e trombe Sib Mib Fa SibFa sopra le vostre tombe.
Fa#m Tiranni e generali, Sim6 Do#7Fa#m marescialli e imperatori, uomini del destino, Sim6 Do#7 Fa#m colonnelli e dittatori, Re La voi che credete d'essere Fa#m Do#7 diversi da noi altri, Re La voi che credete d'essere Sim6 Do#7 più forti, saggi e scaltri: Fa#m ora, finché ne avete il tempo, Mi su, date agli altri il buon esempio, Fa#m e scomparite ai nostri sguardi Sim Mi Fa#m prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Fa# Tiranni e generali, Si6 Do#7Fa# marescialli e imperatori, uomini del destino, Si6 Do#7Fa# colonnelli e dittatori, Re La voi che credete d'essere Fa#m Do#7 diversi da noi altri, Re La voi che credete d'essere Sim6 Do#7 più forti, saggi e scaltri: Fa# tutti gli oppressi di 'sto mondo Mi un dì faranno un girotondo Fa# e suoneran tamburi e trombe Si Mi Fa# Si Fa# sopra le vostre tombe.
Solm Tiranni e generali, Dom6 Re7 Solm marescialli e imperatori, uomini del destino, Dom6 Re7 Solm colonnelli e dittatori, Re# Sib voi che credete d'essere Solm Re7 diversi da noi altri, Re# Sib voi che credete d'essere Dom6 Re7 più forti, saggi e scaltri: Solm ora, finché ne avete il tempo, Fa su, date agli altri il buon esempio, Solm e scomparite ai nostri sguardi Dom Fa Solm prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Sol Tiranni e generali, Do6 Re7 Sol marescialli e imperatori, uomini del destino, Do6 Re7 Sol colonnelli e dittatori, Re# Sib voi che credete d'essere Solm Re7 diversi da noi altri, Re# Sib voi che credete d'essere Dom6 Re7 più forti, saggi e scaltri: Sol tutti gli oppressi di 'sto mondo Fa un dì faranno un girotondo Sol e suoneran tamburi e trombe Do Fa Sol Do Sol sopra le vostre tombe.
Sol#m Tiranni e generali, Do#m6 Re#7Sol#m marescialli e imperatori, uomini del destino, Do#m6 Re#7 Sol#m colonnelli e dittatori, Mi Si voi che credete d'essere Sol#m Re#7 diversi da noi altri, Mi Si voi che credete d'essere Do#m6 Re#7 più forti, saggi e scaltri: Sol#m ora, finché ne avete il tempo, Fa# su, date agli altri il buon esempio, Sol#m e scomparite ai nostri sguardi Do#m Fa# Sol#m prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Sol# Tiranni e generali, Do#6 Re#7Sol# marescialli e imperatori, uomini del destino, Do#6 Re#7Sol# colonnelli e dittatori, Mi Si voi che credete d'essere Sol#m Re#7 diversi da noi altri, Mi Si voi che credete d'essere Do#m6 Re#7 più forti, saggi e scaltri: Sol# tutti gli oppressi di 'sto mondo Fa# un dì faranno un girotondo Sol# e suoneran tamburi e trombe Do# Fa# Sol# Do#Sol# sopra le vostre tombe.
Lam Tiranni e generali, Rem6 Mi7 Lam marescialli e imperatori, uomini del destino, Rem6 Mi7 Lam colonnelli e dittatori, Fa Do voi che credete d'essere Lam Mi7 diversi da noi altri, Fa Do voi che credete d'essere Rem6 Mi7 più forti, saggi e scaltri: Lam ora, finché ne avete il tempo, Sol su, date agli altri il buon esempio, Lam e scomparite ai nostri sguardi Rem Sol Lam prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. La Tiranni e generali, Re6 Mi7 La marescialli e imperatori, uomini del destino, Re6 Mi7 La colonnelli e dittatori, Fa Do voi che credete d'essere Lam Mi7 diversi da noi altri, Fa Do voi che credete d'essere Rem6 Mi7 più forti, saggi e scaltri: La tutti gli oppressi di 'sto mondo Sol un dì faranno un girotondo La e suoneran tamburi e trombe Re Sol La Re La sopra le vostre tombe.
Sibm Tiranni e generali, Mibm6 Fa7 Sibm marescialli e imperatori, uomini del destino, Mibm6 Fa7 Sibm colonnelli e dittatori, Solb Reb voi che credete d'essere Sibm Fa7 diversi da noi altri, Solb Reb voi che credete d'essere Mibm6 Fa7 più forti, saggi e scaltri: Sibm ora, finché ne avete il tempo, Lab su, date agli altri il buon esempio, Sibm e scomparite ai nostri sguardi Mibm Lab Sibm prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Sib Tiranni e generali, Mib6 Fa7 Sib marescialli e imperatori, uomini del destino, Mib6 Fa7 Sib colonnelli e dittatori, Solb Reb voi che credete d'essere Sibm Fa7 diversi da noi altri, Solb Reb voi che credete d'essere Mibm6 Fa7 più forti, saggi e scaltri: Sib tutti gli oppressi di 'sto mondo Lab un dì faranno un girotondo Sib e suoneran tamburi e trombe Mib Lab Sib MibSib sopra le vostre tombe.
Sim Tiranni e generali, Mim6 Fa#7Sim marescialli e imperatori, uomini del destino, Mim6 Fa#7 Sim colonnelli e dittatori, Sol Re voi che credete d'essere Sim Fa#7 diversi da noi altri, Sol Re voi che credete d'essere Mim6 Fa#7 più forti, saggi e scaltri: Sim ora, finché ne avete il tempo, La su, date agli altri il buon esempio, Sim e scomparite ai nostri sguardi Mim La Sim prima che sia già tardi. Quanti di voi non sentono timori ed apprensioni, solo perché posseggono le bombe ed i cannoni, quanti di voi non temon nemici e congiurati perché son ben sicuri di averli già ammazzati: faran la parte, prima o dopo, non più del gatto, ma del topo, con una corda al collo stretta, come una marionetta. Quel che di voi si sente potente ed importante, solo perché è pagato dal ricco e dal mercante, e pensa di comprare, persino a buon mercato, la libertà soppressa, l'onore calpestato: la sua carogna, è cosa certa, la lasceranno all'aria aperta, e il suo valore andrà stimato meno di un bue scannato. Quanti di voi ci credono un gregge di montoni che solo col bastone si può far stare buoni e pensan che si scusino le loro bastonate perché non perdon Messa le feste comandate: avranno la soddisfazione di recitare un'orazione per affidare, a malincuore, l'anima al Creatore. Si Tiranni e generali, Mi6 Fa#7Si marescialli e imperatori, uomini del destino, Mi6 Fa#7Si colonnelli e dittatori, Sol Re voi che credete d'essere Sim Fa#7 diversi da noi altri, Sol Re voi che credete d'essere Mim6 Fa#7 più forti, saggi e scaltri: Si tutti gli oppressi di 'sto mondo La un dì faranno un girotondo Si e suoneran tamburi e trombe Mi La Si Mi Si sopra le vostre tombe.
Fonte

Jona Emilio, Straniero Michele L., Cantacronache - Un'avventura politico-musicale degli anni cinquanta, Torino, Crel, 1996

Scheda del canto
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!