Ariva i barbari

Ariva i barbari a cavalo i ga do corni par capelo xe 'na valanga che se buta i ga la fame aretrata i ga brusà tuto l'Impero scampemo che i ne vol magnar. Scampemo scampemo portemo le vache le strasse, i peoci, i gati, le oche monté tuti in barca ve spenzo col remo sté fermi sinò se rebaltemo stà bona Luisa no state dar pena te trovo 'na casa fora in barena bona Luisa 'na casa se trova stanote dormimo soto da prova stà bona coversi el fìo che tosse doman magnaremo polenta e pesse. E co 'sta barca e 'sta laguna tira la rede che la xe piena fa' pian Luisa che la se sbrega vien su Venessia el sol la suga ma vien marubio e i pirati la nostra orada i s'à robà. Co le scage i s'à fato 'na flota veloce coi spini archi lance e frece i squarta i te buta l'ogio che boge el capo pirata se ciama Doge e statue, i marmi, colone e ori xe roba robada ai greghi e ai mori i le ciama belesse ma mi gh'ò paura par un toco de marmo i me manda in guera nati de cani i xe pieni de schei e mi e Luisa magnemo fasiòi
Informazioni
Canzone satirica che ricostruisce una storia popolare dalla repubblica serenissima al '68. Ha il seguito in "Venessia patria mia dileta" e poi in "Che belo el mondo che'l sarìa".
Fonte
D'Amico Alberto, Ariva i barbari, Edizioni del gallo, 1973
Scheda del canto
Autori testo
Anno
Lingua
Tags
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!