6 dicembre

La storia cantata: La “battaglia di Venaus” (6 Dicembre 2005)
Cellerin che vien di notte viene a darti tante botte, vuoi sul naso, o sulla schiena, l'importante è che ti mena. Gli occhi fuori dalla testa, corre, urla, picchia e pesta. Sono in mille contro cento, son davvero un gran portento. Più son botte e più è una manna per il celerino Sanna, che con scudo e manganello crede d'essere più bello. Poi diventa ancora giorno e mi guardo tutto intorno: il presidio non c'è più, vedo solo caschi blu. Vedi tanti poliziotti, tanto sangue e nasi rotti, vedi rabbia negli sguardi, viene in mente un nom: Lunardi! Deve andar da Berlusconi, rassegnar le dimissioni: lui, Pisanu e poi la Bresso, tutti a casa, presto, adesso! Ma in tutte le contrade, scendon folle nelle strade. Qui nessuno ha più paura, gridiam tutti: SARA' DURA!!!!!!!
Informazioni

Segnalata da Maria Rollero

Canzone sulla lotta contro la TAV in Val di Susa.

Scheda del canto
Anno
Lingua
Inserito da
ilDeposito

Disclaimer

I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
Commenti
Per inserire un commento è necessario registrarsi!