titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

E quand la sira ( E quando la sera)

Canto di riferimento:  E quand la sira

Quando la sera è "stanca" fuori dalla (mia) porta a vedere i bambini giocare torno col pensiero ad una volta quando c'era il Ginetu e anche io ero un bambino. I suoi baffi gialli di fumo e la sua mania di farsi i sturgitt (sigarette fatte a mano) Nonno di tutta la corte noi bambini sulla sua porta e lui a raccontare. Di quando abitava ad Arluno figlio di contadini e di quella sera di Maggio che hanno fatto spaventare i signori. L'aria già calda alla sera di quel giorno di festa del 1889 bambini, donne e uomini in piazza a vedere i gioppini (Burattini) a fare i loro versacci. Ed ecco che una voce si sente "Adesso che i gipponi hanno finito il loro mestiere cominciamo noi lo spettacolo uè contadini venite fuori dalle case". Come formiche nella scatola dello zucchero la strada si è riempita tutto il paese con i bambini in prima fila gridavano per farsi sentire. "Morte ai signori e ai padroni e per la giornata (di lavoro) vogliamo un franco. Basta pendici di pollame e devono abbassare anche l'affitto della casa" "Che dalla fame i nostri giovani non sono neanche più buoni per fare il soldato. E i signori con la pancia lustra la schiena devono abbassare" "Gridate donne, gridate ragazze" E giù a rompere vetri. "Calderaraandiamo e Dal Verme (proprietari terrieri) sono li in quella casa andiamo a bruciargliela" E rideva il Ginetu, rideva come un matto e noi bambini più di lui a pensare a quei signori accucciati in un angolo a tremargli il culaccione. Ma la storia ormai è finita la ruota gira e non torna più indietro I bambini con la testa grigia contadini di una volta e operai d'oggi. Ma non è cambiata la vita c'è sempre chi suda e chi mangia di più. Ginetu mi viene il magone (groppo in gola) i nostri figli non ascoltano più te ma la televisione. Ma rideva il Ginetu, rideva come un matto e noi bambini più di lui a pensare a quei signori accucciati in un angolo a tremargli il culaccione.

Condividi

Strumenti

Scheda della traduzione

Canto di riferimento:  E quand la sira
Lingua originale: 
Lingua traduzione:  italiano
Inserito da: fiorenzo
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
You must have Javascript enabled to use this form.

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30