titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Odineide

a) *la note di quel 18 aprile 1948* No ti ghe geri quel mese di aprile - dise el prevosto al capelan - no se g'avemo perso de animo, ma se g'avemo roso el figà. Giorni tristissimi de patimento lota la casa col tradimento i rossi infuriano, el fià ne manca, ma no alzemo bandiera bianca. Povera Italia, ne la sembrava volerne più. Poveri nu. Tuti a palazo, el dì, la note stanchi, sfinii, co le ossa rote, reverendissimi e monsignori omeni, done, sempi e dotori. Prevosti e muneghe, zagheti e frà, beghine e nonsoli che i ven, che i va, i siga, i calcola, i se prega adosso, el portaordini el ghe n'ha dà. Povera Italia, ne la sembrava volerne più. Poveri nu. Rito nel mezo de la bataglia come un arcangelo tra la plebaglia insone e vigile, sempli e fiero sta nostra eminenza, vestita di nero. Fa segno e un parroco strissa dal mucio ghe porta i dati de la sezione riparte e un chierico adeto all'ussio el se ghe prossima co discression. «Ghe saria - mormora - quel onorevole». «Che passi», e uno trionfante, in estasi entra de freta e poi servizievole se ghe precipita drito ai suoi piè; el ghe ciapa la man, el ghe la copre de basi. «L'è fata - grida - par nu, par la fè!». Ahi, Don Rosario mi so vecio e vu si fio, e no podè forse nianca capir, a quel anuncio sorse un grido, giubilo, pianti, pregar, benedir! e lu nel mezo radioso e fiero come un arcangelo o un cavalier alto, solenne, vestito di nero ne benediva el condotier. b)* El voto de le femene* Se va in cielo, ghe g'ha dite el prevosto a la me nona se va in cielo co se vota tuti quanti par la DC. «Mi non so, caro prevosto no me so mai interessada mi son dona, so malada, so 'na vecia senza fià». «Ma xe una caso de cossienza», ghe risponde el sior curà, «'na cristiana de cossienza fa quel che ghe dise el curà». E siccome che g'ho l'obbligo de tratarve come piegore, vegnì qua, sentève done, Bice, Gina, Mariarosa, vegnì qua che ve spiego tuto quel che avè da far. Comunisti e socialisti ne xe el caso de parlar no la xe roba par vu femene e lassemoli pur star. Prosseguendo, ghe xe i monarchici che voria da capo el re ma 'i xe fiapi, 'i g'ha la spussa co' fa el pesse che xe passà. I fassisti g'ha dei meriti no se pol dir de no, ma i xe stai un poco rusteghi i s'ha fato voler mal. I pol anca tornar boni in un'altra situassiòn par intanto i tegnimo de riserva e de scondòn. Liberal, Santa Maria, e no steme far dir de più, la xe 'na perfida genia i ga distruto el papa-re. E po dopo, in confidenza, badè a mi se me scoltè, la xe roba da paroni no par vu che lavorè. No ne resta che afidarse ai miliori che ghe xe. Boni, semplici, virtuosi, i ghe crede anca a la fè. E perciò, scoltème o femene credo di avervi dimostrato che chi non vota scudo crociato fa un grandissimo pecà. Lo vuol Dio, lo vol la cesa, per la patria e per la fè; e no ste badarghe ai òmeni, se cristiane, ascoltè me!» c) *I do piovani* Don Odino e don Floriano al tramonto e de scondòn van tenendose per mano l'indoman de l'eleziòn. I camina a colo basso con el core che ghe duole i g'ha in pansa un gran tremasso a pensar quel che sarà. «Maria vergine - ghe fa don Odino a don Floriano - se prepara per noialtri un grandissimo malano. Adio cese, adio perpetue, adio nonsoli e conventi, adio decime e limosine, adio santa religion. No i capisse 'sti siori che ogigiorno ne tradisse, che se la cesa la finisse la xe finia anca par lori. Adio cese, adio perpetue, adio nonsoli e conventi, adio decime e limosine, adio santa religion». «Non pol essere - ghe fa don Floriano a don Odino - vu zoghè col vostro dano ma la cesa prevarrà. La ghe n'ha passae tante liberali e framassoni Dante, i Mille e i Borboni, Crispi, el fassio e tute quante, bone o brute che le xe stae re, tirani, massiniani, laici, duci, partigiani, in malora tuti quanti sol la cesa s'è salvada la s'ha sempre tegnìo su. E perciò, scoltime Odino, su la vita e in alto i cuori come xe passai 'st'altri passarà anca 'sti bolori. Come xe passai 'st'altri passarà anca 'sti bolori passarà anca 'sti bolori viva nu, e in malora lori». d) *L'ano santo* No so se me insogno o se so' desmissià no so se xe 'na fiaba, opur se xe realtà. Oh Maria tochèmose, me manca anca el fià saria i veci tempi, Dio voglia, tornà? Se fa l'Ano Santo, savè, tolè su se fa l'Ano Santo e 'sta volta in tivù. E vu, svergognate, che ghe 'ndavi drio a 'sti cagabudi, e a tutto el desìo, ai preti co le braghe, ai frati dotori, ai sputasentense, ai puti in calore. A omeni e done muciai su l'altare che i sona la chitarra, che i sta a ciacolare che i siga de Vietnam, de fame, paroni, ma el prete, in 'sta Russia, el g'ha ancora i cogioni? E vu teste marse che ghe 'ndavi drio «El xe sta el concilio» disevi, par zio! Ma no, xe 'sta el diavolo che tuto ha cambià che so da l'altare el ne g'ha rovinà. Verà quel momento, el papa no'l pol 'sta cheba de mati star sito a vardare, de scioperi, lote, casin, perdissiòn, de Acli che predica la rivolussiòn. De aborto, divorsio, de preti operai de falce e marteo co la croce missiai de muneghe e preti che vol far l'amor de centro sinistra che va a rebaltòn. De femene nue, de oposti 'stremismi de democristiani che fa i comunisti de bombe che i dise sia nere, ma mi g'ho sempre pensà che le sia del picì. Creature, i fassisti xe boni italiani i rompe un fià i bisi, ma i rossi i xe cani no stemo fidarse, pensemoghe sora che no xe mai tardi par burali fora. Adesso, par zio, se fa l'Ano Santo xe vero, no sogno, vegnù xe el momento. Go el cuor che s-ciopa da tanto contento so serto che l'ordine cussì tornarà. Co l'ordine vecio ritorna a regnare i omeni a cotimo, e no a sioperare, le femene a casa e zo da l'altar, i tosi che i studia, e no in piaza a sigar. Per Paolo e Amintore su su in alto i cuori ofrimoli a Dio 'sti sete dolori, tornemo a la casa, tornemo co Pietro, o satana! in mona, cioè... vade retro.

Informazioni

Questa canzone (musica di Gualtiero Bertelli, parole di Mario Isnenghi, è in realtà formata da quattro parti indipendenti, le prime tre del 1964 e l'ultima scritta in occasione dell'anno santo del 1975. è la storia di un prete tradizionalista, degno rappresentante della Chiesa del Veneto "bianco". Lo troviamo prima che racconta a un prete più giovane le elezioni del '48, poi a dar consigli elettorali alle sue anziane fedeli, poi ascoltiamo la sua preoccupazione per l'avanzata delle sinistre alle elezioni del '63 e, infine, la rinata speranza per l'anno santo del 1975.

Indicazioni bibliografiche

Bertelli Gualtiero, Mi voria saver, Edizioni del gallo, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Mario Isnenghi
Autore musica: 
Anno: 
1975
Lingua:  veneto
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30