titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Ninna Nenni

Dormi, dormi, proletario, che cessato è quel divario che esisteva fra le classi, perché adesso c'è Tanassi, c'è Tanassi e Brodolini, c'è Colombo e Pieraccini: quindi dormi e stai tranquillo e se vuoi qualcosa dillo. La tua mamma è l'industriale, che allontana il temporale, il tuo babbo è il costruttore, che ti stringe forte al cuore, che ti fa veder le stelle da una stanza a Centocelle. Dormi, dormi, mio angioletto, ché la balia col baschetto, col baschetto e con gli occhiali, tien lontani tutti i mali. Con la lavabiancheria ogni macchia mandi via, quella rossa specialmente, ch'è una macchia resistente. Con la Fiat Cinquecento vai ad Ostia in un momento e con il televisore ti diverti a tutte l'ore. Dormi, dormi, carpentiere, manovale e ferroviere. Guarda, guarda il contadino mentre dorme, che carino; c'è Bonomi che lo culla e nel sonno lo trastulla. Non commetter più peccato, né pensare al sindacato, al suo tono rumoroso che disturba il tuo riposo. Ma se poi rompi i coglioni, chiamerò un altro Tambroni, chiamerò la polizia che ti ammazza e porta via. Quindi, dormi quieto e muto e nel nero più assoluto; senza grida e senza pianto ti trascini questo canto. Ninna nanna, Ninna Nenni, fa la ninna, fa la Nenni.

Informazioni

Indicazioni bibliografiche

Settimelli Leoncarlo, Falavolti Laura, Canti socialisti e comunisti, Roma, Savelli, 1976

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Marco Ligini
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31