titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Merica, Merica

Cari fratelli ora state a sentire, che molti braccianti l’Italia abbandonan, lasciando la terra e l’aria si bona andare in America a lavorar. Ben si guadagna al giorno sei lire, vestiti leggeri ma ben casermati, soggetti ai padroni coma i soldati se ben si fatiga c’è più libertà Merica, Merica, Merica Merica, Merica, Merica Merica, Merica, Merica Merica…a lavorar! Merica…a lavorar! Merica…a lavorar! Il viaggio ci costa, ma è tutto pagato, chi attende da Italia i lavoranti, paga già prima in buoni contanti se vuol nostre braccia per lavorar. L’America è grande ben più dell’Italia, le terre son boschi, arene e vallate, per quanti ci vanno son già preparate le squadre in colonia per lavorar. Merica, Merica... Fatica, lavora e mai non si stanca, che ricco e istruito ben presto sarai, così dall’America scorda i tuoi guai, e torni con l’oro i fondi a comprar. Io lascio la casa, io lascio l’amante viaggio per terra e anche per mare, se dall’america posso tornare, lo giuro non voglio mai più lavorar. Merica, Merica...

Re La Cari fratelli ora state a sentire, Re che molti braccianti l’Italia abbandonan, Sol lasciando la terra e l’aria si bona Re La andare in America a lavorar. Ben si guadagna al giorno sei lire, vestiti leggeri ma ben casermati, soggetti ai padroni coma i soldati se ben si fatiga c’è più libertà Re La Merica, Merica, Merica Re Merica, Merica, Merica Sol Merica, Merica, Merica Re Merica…a lavorar! La Merica…a lavorar! Re Merica…a lavorar! Il viaggio ci costa, ma è tutto pagato, chi attende da Italia i lavoranti, paga già prima in buoni contanti se vuol nostre braccia per lavorar. L’America è grande ben più dell’Italia, le terre son boschi, arene e vallate, per quanti ci vanno son già preparate le squadre in colonia per lavorar. Merica, Merica... Fatica, lavora e mai non si stanca, che ricco e istruito ben presto sarai, così dall’America scorda i tuoi guai, e torni con l’oro i fondi a comprar. Io lascio la casa, io lascio l’amante viaggio per terra e anche per mare, se dall’america posso tornare, lo giuro non voglio mai più lavorar. Merica, Merica...

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

Canzone composta da due parti: la prima (testo di anomino e musica di Cantovivo) è la presentazione dell'America come paese ideale, la Mecca del proletariato; la seconda (raccolta a Sertegno da M.A. Spreafico) è la forzata sopravvivenza degli emigranti in quella terra di sogni e di chimere.

(Maria Rollero) 

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30