titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Le ultime ore e la decapitazione di Sante Caserio

Autore testo:  P. Cini

Il sedici di agosto, sul far della mattina, Il boia avea disposto l'orrenda ghigliottina, Mentre Caserio dormiva ancor Senza pensare al triste orror. Entran nella prigione direttore e prefetto, Con voce di emozione svegliarono il giovinetto; Disse svegliandosi: "Che cosa c'è?". "è giunta l'ora, alzatevi in piè". Udita la notizia si cambiò nell'istante, Veduta la giustizia stupì tutto tremante; Il chieser: "Prima di andare a morir, Dite se avete nulla da dir". Così disse al prefetto: "Allor ch'io morto sia, Prego, questo biglietto date alla madre mia; Posso fidarmi che lei lo avrà ? Mi raccomando per carità . Altro non ho da dire: schiudetemi le porte, Finito è il mio soffrire, via datemi la morte; E tu, mia madre, dai fine al duol E datti pace del tuo figliuol". Poi con precauzione dal boia fu legato E in piazza di Lione fu quindi trasportato E spinto a forza il capo entrò Nella mannaia che lo troncò. Spettacolo di gioia la Francia manifesta, Gridando: "Evviva il boia che gli tagliò la testa!" Gente tiranna e senza cuor, Chi sprezza e ride l'altrui dolor. Allor che n'ebbe avviso l'amata genitrice, Le lacrime nel viso scorreano all'infelice; Era contenta la madre almen Pria di morire stringerlo al sen. L'orribile dolore le fè bagnare il ciglio, Pensar solo al terrore che li piombò nel figlio; Misera madre, quanto soffrì Quando tal nuova del figlio udì! Io pregherò l'Eterno, o figlio sventurato, Che dal tremendo averno ti faccia liberato; Così, pregando con forte zel, L'alma divisa ritorni in ciel!

Re Il sedici di agosto, La7 sul far della mattina, Il boia avea disposto Re l'orrenda ghigliottina, Sol Re Mentre Caserio dormiva ancor La7 Re Senza pensare al triste orror. Entran nella prigione direttore e prefetto, Con voce di emozione svegliarono il giovinetto; Disse svegliandosi: "Che cosa c'è?". "è giunta l'ora, alzatevi in piè". Udita la notizia si cambiò nell'istante, Veduta la giustizia stupì tutto tremante; Il chieser: "Prima di andare a morir, Dite se avete nulla da dir". Così disse al prefetto: "Allor ch'io morto sia, Prego, questo biglietto date alla madre mia; Posso fidarmi che lei lo avrà ? Mi raccomando per carità . Altro non ho da dire: schiudetemi le porte, Finito è il mio soffrire, via datemi la morte; E tu, mia madre, dai fine al duol E datti pace del tuo figliuol". Poi con precauzione dal boia fu legato E in piazza di Lione fu quindi trasportato E spinto a forza il capo entrò Nella mannaia che lo troncò. Spettacolo di gioia la Francia manifesta, Gridando: "Evviva il boia che gli tagliò la testa!" Gente tiranna e senza cuor, Chi sprezza e ride l'altrui dolor. Allor che n'ebbe avviso l'amata genitrice, Le lacrime nel viso scorreano all'infelice; Era contenta la madre almen Pria di morire stringerlo al sen. L'orribile dolore le fè bagnare il ciglio, Pensar solo al terrore che li piombò nel figlio; Misera madre, quanto soffrì Quando tal nuova del figlio udì! Io pregherò l'Eterno, o figlio sventurato, Che dal tremendo averno ti faccia liberato; Così, pregando con forte zel, L'alma divisa ritorni in ciel!

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

Sante Caserio fu ghigliottinato a Lione per aver pugnalato Sadi Carnot, presidente della repubblica francese.
Di questo canto sono note diverse versioni, che riportano autori del testo diversi (vedi: Catanuto S. Schirone F. Il canto Anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, Zero in Condotta, Milano, 2009  pgg.96-97-98)

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento La decapitazione di Sante Caserio (16 August 1894).

Scheda del canto

Autore testo:  P. Cini
Tags:  anarchici
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30