titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

La violenza [La caccia alle streghe]

(parlato) à cominciata di nuovo la caccia alle streghe: i padroni, il governo, la stampa e la televisione; in ogni scontento si vede uno sporco cinese; "uniamoci tutti a difendere le istituzioni! Ma oggi ho visto nel corteo tante facce sorridenti, le compagne, quindici anni, gli operai con gli studenti: "Il potere agli operai! No alla scuola del padrone! Sempre uniti vinceremo, viva la rivoluzione!". Quando poi le camionette hanno fatto i caroselli i compagni hanno impugnato i bastoni dei cartelli ed ho visto le autoblindo rovesciate e poi bruciate, tanti e tanti baschi neri con le teste fracassate. La violenza, la violenza, la violenza, la rivolta; chi ha esitato questa volta lotterà con noi domani! Uno, due, dieci, vent'anni di democrazia; le pietre non sono argomenti, ci dice un borghese; siamo d'accordo con voi, miei cari signori, ma gli argomenti non hanno la forza di pietre. "Il potere agli operai! No alla scuola del padrone! Sempre uniti vinceremo, viva la rivoluzione!". Quando poi le camionette hanno fatto i caroselli i compagni hanno impugnato i bastoni dei cartelli ed ho visto le autoblindo rovesciate e poi bruciate, tanti e tanti baschi neri con le teste fracassate. La violenza, la violenza, la violenza, la rivolta; chi ha esitato questa volta lotterà con noi domani!

(parlato) à cominciata di nuovo la caccia alle streghe: i padroni, il governo, la stampa e la televisione; in ogni scontento si vede uno sporco cinese; "uniamoci tutti a difendere le istituzioni! Re Ma oggi ho visto nel corteo La7 tante facce sorridenti, le compagne, quindici anni, Re gli operai con gli studenti: "Il potere agli operai! No alla scuola del padrone! Sempre uniti vinceremo, viva la rivoluzione!". Quando poi le camionette hanno fatto i caroselli i compagni hanno impugnato i bastoni dei cartelli ed ho visto le autoblindo rovesciate e poi bruciate, tanti e tanti baschi neri con le teste fracassate. La violenza, la violenza, la violenza, la rivolta; chi ha esitato questa volta lotterà con noi domani! Uno, due, dieci, vent'anni di democrazia; le pietre non sono argomenti, ci dice un borghese; siamo d'accordo con voi, miei cari signori, ma gli argomenti non hanno la forza di pietre. "Il potere agli operai! No alla scuola del padrone! Sempre uniti vinceremo, viva la rivoluzione!". Quando poi le camionette hanno fatto i caroselli i compagni hanno impugnato i bastoni dei cartelli ed ho visto le autoblindo rovesciate e poi bruciate, tanti e tanti baschi neri con le teste fracassate. La violenza, la violenza, la violenza, la rivolta; chi ha esitato questa volta lotterà con noi domani!

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

AA.VV., Avanti popolo - Due secoli di popolari e di protesta civile, Roma, Ricordi, 1998

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Anno: 
1968
Tags:  comunisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30