titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Il guerrigliero

Eccolo, tutto armato e feroce, ecco l'uomo che porta la libertà; tutto stracciato e sporco, ma col cuore di ferro, il guerrigliero sorride e canta. Lui non ha casa, gli mancano cibo e vestiti, lui si assoggetta a tutte le circostanze, la pioggia torrenziale lo colpisce, il freddo lo minaccia con violenza. Ma lui sorride e canta: «Io porto libertà e pace: con quest'arma nella mia mano io scaccerò Salazar e la sua truppa». Ecco un mattino bello e dolce, il guerrigliero si alza; lui non ha acqua, da acqua serve la rugiada. Gli uccelli spaventati domandano: «Perché soffri così, ragazzo?» Il guerrigliero sorride e canta: «Libertà per tutti io porto».

Informazioni

Canzone del mozambicano Cosme per la liberazione del suo paese dall'oppressione colonialista portoghese.

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Cosme
Tags:  antimperialisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31