titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Go on home british soldiers

Go on home British soldiers, go on home. Have you got no fuckin' homes of your own ? For eight hundred years we've fought you without fear And we will fight you for eight hundred more. Leave us be British soldiers leave us be. We`re fed up with yer lies and tyranny For it`s now your turn to run, cause its us that have the guns So take a trip and leave us while you may. If you stay British soldiers, if you stay You will never ever beat the IRA The fourteen men in Derry are the last that you will bury Go on home and leave us while you may. No, we're not British, we're not Saxon, we're not English (are we fuck) We're Irish! and proud we are to be. So fuck your union jack we want our country back We want to see old Ireland free once more. Well we're fighting British soldiers for the cause We'll never bow to soldiers because Throughout our history we were born to be free So get out British bastards, leave us be.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

Canzone che "invita" l'esercito britannico a lasciare l'Irlanda del Nord, dopogli eventi del 30 gennaio 1972, noti come Bloody Sunday

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento Bloody Sunday (30 January 1972).

Scheda del canto

Autore testo:  Tommy Skelly
Anno: 
1972
Lingua:  inglese
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31