titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Ero povero ma disertore

Ero povero ma disertore E disertai dalle mie frontiere E Ferdinando l'impé-l'imperatore Che mi ha perseguità. Valli e monti ho scavalcato E dai gendarmi ero inseguito, Quando una sera mi addo-mi addormentai E mi svegliai incatenà. Incatenato le mani e i piedi E in tribunale mi hanno portato Ed il pretore mi ha do-mi ha domandato: «Perché mai sei incatenà?». Io gli risposi francamente: «Camminavo per la foresta Quando un pensiero mi vie-mi viene in testa: Di non fare mai più il soldà». Caro padre, che sei già morto, E tu, madre, che vivi ancora, Se vuoi vedere tuo figlio alla-alla tortura, Condannato senza ragion. O compagni che marciate, Che marciate al suon della tromba, Quando sarete su la-su la mia tomba Griderete: pietà di me!

Informazioni

Probabilmente precedente il 1848, ma esistono diverse lezioni della Grande Guerra e della guerra di Resistenza. 

E' interessante notare come il canto sia entrato a far parte del canzoniere ufficiale distribuito ai soldati durante la Prima Guerra Mondiale. Il disertore veniva alla fine "giustamente" punito; doveva quindi servire da esempio agli altri soldati.

(KGgB) 

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31