titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Ecco s'avanza uno strano soldato

Ecco s'avanza uno strano soldato porta il fucile come una vanga come la vanga di un contadino ha la mantella del birocciaio ha gli stivali del fiocinino va in bicicletta lungo le strade va con le barche dentro i canali suo portaordini è un ragazzino e la sua donna gli fa da staffetta e la sua mamma gli fa sempre avere un pacchettino con dentro il mangiare. Uno straccio rosso è il fazzoletto uno straccio rosso è la sua bandiera ieri ne ho visto un altro impiccato non l'hanno preso è arrivato da solo e ai tedeschi si è consegnato sono i tedeschi che l'hanno avvisato «Se non si presenta ne ammazziamo altri trenta». Ora quei trenta lo stanno a guardare guardano in piazza lo strano soldato che al loro posto s'è fatto impiccare sotto che piange c'è un ragazzino c'è la sua donna che continua a chiamare e c'è una vecchia con un pacchettino un pacchettino con dentro il mangiare. E sopra i tetti ci sono nascosti strani soldati che stanno a guardare portan fucili come le vanghe come le vanghe dei contadini han le mantelle dei birocciai e gli stivali dei fiocinini e son venuti per vendicare e son venuti per vendicare...

Informazioni

Dallo spettacolo "Vorrei morire anche stasera se dovessi pensare che non è servito a niente", 1970.

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Dario Fo
Anno: 
1970
Tags:  antifascisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31