titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Il maggiore dei decorati

Canto di riferimento:  El mayor de los dorados

Fui soldato di Francisco Villa di quell’ uomo di fama immortale che anche se andava montando una sella non invidiava la poltrona presidenziale (*) Ora vivo laggiù sulla riva ricordando quel tempo immortale, ora vivo laggiù sulla riva ricordando Villa laggiù a Parral. Io fui uno di quei decorati che con il tempo divenne maggiore nella lotta restammo feriti difendendo patria ed onore. Oggi ricordo i tempi andati in cui combattemmo contro l’invasore, oggi ricordo i tempi andati di quei decorati di cui fui maggiore. Il cavallo che tante volte cavalcai a Jimenez raggiunse la morte, una pallottola destinata a me il suo corpo attraversò. Nitriva morendo dal dolore e per la patria dette la vita, nitriva morendo dal dolore quanto piansi quando morì. Pancho Villa ti porto impresso nella mia mente e nel mio cuore e anche se a volte mi vidi sconfitto dalle forze di Alvaro Obregón sempre fui fedele soldato fino alla fine della rivoluzione, sempre fui fedele soldato che tanto lottò vicino al cannone.

Informazioni

Condividi

Strumenti

Scheda della traduzione

Canto di riferimento:  El mayor de los dorados
Lingua originale: 
Lingua traduzione:  italiano
Inserito da: Roberto Deiana
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
You must have Javascript enabled to use this form.

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31