titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

19 Gennaio 1950 - L'eccidio di Modena

eccidio di Modena

Il 9 gennaio 1950, la polizia di Scelba apriva il fuoco premeditatamente, a sangue freddo, sugli operai che protestavano contro la serrata delle Fonderie Riunite di Modena, proprietà del conte Adolfo Orsi, ex boss fascista dirigente di Confindustria, uccidendo sei lavoratori – Angelo Appiani di 30 anni, Renzo Bersani di 21 anni, Arturo Chiappelli di 43 anni, Ennio Garagnani di 21 anni, Arturo Malagoli di 21 anni, Roberto Rovatti di 36 anni – e ferendone altre decine. Ai funerali, l’11 gennaio, L’Unità aveva inviato il poeta e scrittore Gianni Rodari, allora giovane cronista, che scriveva un articolo intitolato « 300 000 lavoratori ai  unerali delle sei vittime »

Canti collegati

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30