titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Vöia de vèss

Vöia de vèss cavalè par sintì i to öcc e to man li par mi Pudè cress sculdà al cold dal to ben E nel galètt 'na farfala vignì e spicià un to' basin par surtì. Par pudè pö' sgurà insema a ti. Ma se al to cör la tua buca ten sarà in del galett spiciarò al mè mumènt, da vèss sgiacà in la caldera e murì. Vöia de vèss cavalè par sintì i to öcc e to man li par mi Pudè cress sculdà al cold dal to ben.

Vöia de vèss Lam Vöia de vèss Rem cavalè par sintì Sol i to öcc e to man Lam li par mi Fa Sol Pudè cress sculdà al cold Lam dal to ben E nel galètt 'na farfala vignì e spicià un to' basin par surtì. Par pudè pö' sgurà insema a ti. Ma se al to cör la tua buca ten sarà in del galett spiciarò al mè mumènt, da vèss sgiacà in la caldera e murì. Vöia de vèss cavalè par sintì i to öcc e to man li par mi Pudè cress sculdà al cold dal to ben.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Per il presente canto sono disponibili le seguenti traduzioni:

voglia, d, essere (italiano)

Informazioni

Testo comunicato dall'autore

Questo canto d' amore che l' innamorato dedica alla sua bella utilizza metafore proprie delle fasi di lavorazione dei bachi da seta.
Il maneggiare attento e delicato dei bozzoli (galètt) che contengono il baco suggerisce la tenerezza con cui l' innamorato anela all' attenzione dell' amata.Amore che se non ricambiato, invece di liberarsi nel volo della farfalla generata dalla crisalide del baco,ne accetta la solita fine ai bachi riservata, e cioè essere gettati ancira chiusi bel bozzolo, nella caldera di acqua bollente per morire.

"Canzone d'amore.
Cosa può dire un innamorato alla sua bella  che lavora coi bachi seta?
Quali parole per  le metafore, le tenerezze e i sentimenti ?
Per trovarla usa le allegorie che suggerisce la condizione di filarina dell' amata" (Fiorenzo Gualandris)

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Fiorenzo Gualandris
Anno: 
1981
Lingua:  lombardo
Inserito da: fiorenzo
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
You must have Javascript enabled to use this form.

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30